Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Infettivologa Perugia, Covid Umbria in linea con dati Paese

Infettivologa Perugia, Covid Umbria in linea con dati Paese

Da prof. Francisci invito ai fragili a vaccinarsi

PERUGIA, 06 dicembre 2023, 13:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La situazione del Covid in Umbria va di pari passo con quella in Italia che vede un incremento della circolazione del virus e come conseguenza anche del numero dei pazienti ricoverati anche in rianimazione. Il tutto però contenuto in una situazione non emergenziale e con quella negli ospedali sotto controllo": è il quadro che traccia con l'ANSA la professoressa Daniela Francisci, direttrice della struttura complessa di Malattie infettive dell'Azienda ospedaliera di Perugia. "È chiaro che novembre ha rappresentato un mese di intensificazione della circolazione di un virus che è respiratorio e quindi il numero dei casi segnalati è aumentato in maniera consistente" aggiunge.
    "Per altro questi numeri sottostimano di fatto la reale circolazione del virus - ha detto Francisci - perché ormai non c'è più un aggiornamento dei casi e perché la maggior parte delle persone, avendo una forma lieve, o non fanno proprio direttamente il tampone o lo fanno a casa da soli. Nella stragrande maggioranza dei casi questi sono lievi e le persone di buon senso stanno a casa fino a che sono sintomatiche".
    "Dobbiamo inoltre ricordare - ha sottolineato la professoressa - che nelle persone molto anziane e in quelle che hanno co-patologie e quindi malattie croniche del fegato, del cuore, del rene allora il virus mantiene una sua patologicita' e quindi in questi casi si possono osservare forme più severe che portano all'ospedalizzazione e nei casi più estremi anche alla morte".
    Quindi la professoressa Francisci evidenzia la necessità di accelerare con le vaccinazioni: "Non per tutti ma per le persone per le quali oggi SARS-cov-2 può rappresentare ancora un pericolo". "Il dato nazionale - ha aggiunto - ci dice che le persone che hanno più di 80 anni, che sono quelle massimamente a rischio, sono vaccinate attorno al 7%. In Umbria siamo appena sotto questa media che è bassissima e quindi ci vuole una forte sensibilizzazione della popolazione perché è vero che il virus ormai dà malattie prevalentemente lievi però è anche vero che le persone molto anziane o con patologie continuano ad essere a rischio di forme più gravi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza