Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Meloni, 'risorse per permettere alle Marche di competere'

Meloni, 'risorse per permettere alle Marche di competere'

Ad Acqualagna firma Accordo di Coesione, fondi per 532,5 milioni

ANCONA, 30 ottobre 2023, 09:57

Redazione ANSA

ANSACheck

++ Meloni, manovra? C '� un normale lavoro di drafting ++ - RIPRODUZIONE RISERVATA

++ Meloni, manovra? C '� un normale lavoro di drafting ++ - RIPRODUZIONE RISERVATA
++ Meloni, manovra? C '� un normale lavoro di drafting ++ - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Non vogliamo fare altro che mettere le Marche in condizioni di competere ad armi pari, di poter dimostrare quello che vale, e di poter correre come sa e come io so che vuole correre". Così la premier Giorgia Meloni ad Acqualagna (Pesaro Urbino), dove viene inaugurata la 58/a edizione della Fiera internazionale del tartufo bianco e dove si trova la casa natale del fondatore dell'Eni Enrico Mattei, in occasione della firma con la Regione Marche per l'Accordo di Coesione che porterà complessivamente nelle Marche "532,5 milioni di euro".
    "Ai 336, 6 milioni di euro del Fondo di coesione - ha annunciato la presidente del Consiglio - aggiungiamo altri 154,3 mln che arrivano dal Fondo di rotazione. Se calcoliamo il co-finaziamento da 44,5 milioni arriviamo 532,5 milioni di euro". Il criterio base per l'utilizzo delle risorse, ha spiegato, è di "non distribuirle in mille rivoli ma concentrarsi su priorità strategiche per rendere quelle risorse davvero efficaci". "Le Marche hanno scelto di concentrare le risorse su infrastrutture e reti di trasporto: 70% andrà al completamento delle strade e alla piena utilizzabilità dei porti - ha detto la premier -. Una scelta strategica che abbiamo condiviso; quante volte ho denunciato il paradosso di una regione al centro dello stivale e nonostante ciò isolata. Io stessa ho denunciato in Italia, oltre ad un divario tra Nord e Sud, anche tra Est e Ovest, tra Adriatico e Tirreno, un divario da risolvere come quello tra Nord e Sud".
   "Uno tra gli interventi più importanti e strategici è la Pedemontana delle Marche, - ha ricordato Meloni - lo sviluppo di una rete alternativa e veloce a quella sulla costa che offre un duplice obiettivo: decongestionare l'autostrada A14 e garantire collegamenti efficaci e veloci per l'entroterra e nell'entroterra. Abbiamo denunciato il rischio di spopolamento dei piccoli comuni, ma senza adeguate infrastrutture di collegamento non potremo mai combattere lo spopolamento delle aree interne. Condivido questa priorità individuata dalla Regione". "Altri interventi - ha aggiunto - serviranno a potenziare la rete stradale marchigiana che sconta un deficit soprattutto nelle aree interne. Su questo ho visto in questi anni un grande impegno di Acquaroli (il presidente della Regione Marche, ndr), e sono contenta che oggi facciamo anche noi la nostra parte con queste risorse e con questo accordo che su queste priorità si concentra". "Non finisce qui - ha osservato - perché ai 336, 6 milioni di euro dei Fondo per lo sviluppo e la coesione, aggiungiamo altri 154,3 milioni che arrivano dal Fondo di rotazione. Se calcoliamo il co-finaziamento di 44,5 milioni. Arriviamo con questo accordo a mobilitare 532 milioni di euro, mezzo miliardo e più". "Con il fondo rotazione riusciamo anche a investire su altri importanti fronti - ha sottolineato Giorgia Meloni - penso al turismo di qualità, al tema delle politiche culturali, alla valorizzazione del tessuto imprenditoriale, alla formazione, alla salvaguardia dell'occupazione: fatti concreti - ha detto ancora - per sostenere lo sviluppo di una regione conosciuta in tutto il mondo per la sua intraprendenza e per la sua volontà di riscatto". "In buona sostanza non vogliamo fare altro che mettere le Marche in condizioni di competere ad armi pari, - ha concluso - di poter dimostrare quello che vale, e di poter correre come sa e come io so che vuole correre. Mettiamo un altro mattone a questo lavoro e lavoriamo tutti insieme in ottica sì di valorizzazione del territorio ma che soprattutto di valorizzazione complessiva della nostra nazione e del suo ruolo nel mondo".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza