Sahel: Del Re, maggiore partecipazione alle missioni

'Unità nella diversità che è ricchezza, non un problema'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 DIC - "Abbiamo più partecipazioni alle missioni, in nuovo modo di rispondere ai bisogni degli Stati che sono molto specifici": lo ha detto Emanuela Del Re, rappresentante speciale dell'Unione europea per il Sahel intervenuta a un incontro su cooperazione e prospettive di stabilizzazione della regione organizzato nell'ambito della Conferenza Roma Med Dialogues, promossa da Ministero degli Esteri e dall'Ispi, con ANSA media partner e alla sua ultima giornata. "Abbiamo l'Ue, e il fatto che molte nazioni abbiano deciso di partecipare alle missioni è una buona notizia e parla di una nuova consapevolezza. L'unità è importante nella diversità che è una ricchezza, non un problema", ha aggiunto.
    Parlando della sicurezza dell'area, in cui vaste porzioni del territorio sono sotto il controllo di gruppi armati, Del Re ha aggiunto che la situazione "non è comparabile" con quella dell'Afghanistan. Secondo la rappresentante speciale dell'Ue per il Sahel, inoltre, il fatto che la Francia stia ridistribuendo e riorganizzando le proprie forze in campo nella regione, costituita prevalentemente da sue ex colonie, testimonia una nuova prospettiva. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA