Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mancini, Commissione Agricoltura incontrerà chi protesta

Mancini, Commissione Agricoltura incontrerà chi protesta

Presidente annuncia incontro per il 31 gennaio

PERUGIA, 26 gennaio 2024, 16:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il consigliere regionale della Lega Valerio Mancini, presidente della Commissione agricoltura e ambiente dell'Assemblea legislativa dell'Umbria, annuncia che nella seduta di mercoledì 31 gennaio l'Organismo su sua proposta "si incontrerà con una delegazione degli agricoltori che ha protestato in varie piazze umbre contro le politiche agricole dell'Europa e per chiedere al Governo e quindi alle Istituzioni un intervento a loro sostegno". All'audizione sono state invitate anche le associazioni di categoria e l'assessore regionale all'agricoltura Roberto Morroni.
    Mancini rimarca "l'importanza che anche il Consiglio regionale, come più volte accaduto in questa legislatura, deve riservare all'attività agricola in fase di sofferenza, condizione manifestata non solo in alcune piazze umbre, ma, da mesi, in tutta Europa contro le politiche europee". "Tra i maggiori problemi posti dagli agricoltori, che ho ascoltato nella manifestazione di protesta di martedì scorso a Bastia - aggiunge -, vi sono temi molto importanti che saranno oggetto della riunione della Commissione: l'abolizione delle accise sul gasolio agricolo; no al taglio del 23 per cento medio, come accaduto per questa annata agraria, sull'assegnazione effettiva del gasolio destinato all'impresa agricola per la coltivazione, per i lavori di irrigazione e per le varie fasi produttive. Sì, invece, ad una legge come proposta dal presidente della Commissione agricoltura della Camera, Mirco Carloni, per stabilire i reali costi di produzione dei prodotti agricoli. Gli agricoltori - osserva Mancini - chiedono anche la salvaguardia delle zone montane rispetto alla pastorizia, all'allevamento e all'agricoltura in genere. Altri punti riguardano l'accesso al credito con intervento diretto della Regione e del Governo e una perizia del prodotto qualitativa e quantitativa al momento del raccolto e non a posteriori, finalizzata sulla pezzatura e la qualità al fine di garantire il prezzo stabilito. Gli agricoltori chiedono altresì attenzione alle quotazioni, visti i numeri dissonanti fra la Borsa di Perugia e le altre italiane, in particolare Bologna, che in fase di vendita dei raccolti determina differenze di prezzo significative fra le varie borse, che finisce per penalizzare i nostri agricoltori. C'è anche il tema della chianina, eccellenza dell'Umbria su cui si chiede un'opera di promozione e di tutela ulteriore vista la qualità e la sicurezza alimentare garantita dal sistema sanitario della nostra regione in piena collaborazione con gli allevatori. Molto si è fatto tra agricoltori, associazioni di categoria e istituzioni per la creazione di filiere dal produttore al consumatore, al fine di valorizzare il prodotto e remunerare gli agricoltori, ma questo grande sforzo di investimento fatto attraverso i fondi di sviluppo e un enorme capitale umano e agricolo viene vanificato dai continui ostacoli posti dall'Ue.
    Si è arrivati a questa situazione di tensione dopo decenni di politiche agricole sbagliate dall'Europa, che hanno raggiunto il culmine con la promozione della carne sintetica, del latte sintetico, delle farine alimentari a base di insetti, delle politiche green imposte al sistema produttivo agricolo e non solo, che rendono di fatto antieconomica l'attività agricola, così come la nostra tradizione culturale e storica l'hanno portata avanti per secoli, donando al mondo eccellenze qualitative e, soprattutto, salute. I paesaggi e le campagne dell'Umbria con i suoi mille colori non sarebbero più tali senza l'esistenza in questi luoghi degli agricoltori. Quello che stiamo vivendo - conclude Mancini - è l'ultimo appello all'Europa: o le sue istituzioni cambiano verso o tanto vale uscire da questa follia ambientalista e burocratica".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza