Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Valorizzazione attività cinematografiche e audiovisive'

'Valorizzazione attività cinematografiche e audiovisive'

Audizione della Terza commissione sul ddl della Giunta Umbria

PERUGIA, 25 gennaio 2024, 16:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il disegno di legge predisposto dalla Giunta regionale "Disposizioni in materia di valorizzazione delle attività cinematografiche e audiovisive" è stato oggi al centro di una audizione della Terza commissione dell'Assemblea legislativa, presieduta da Eleonora Pace.
    Dagli interventi - riferisce una nota della Regione - è emersa la condivisione delle finalità del disegno di legge, già presentato in Commissione, ma sono state sollevate alcune eccezioni circa specifici aspetti delle norma: sarebbe eccessivo il peso riconosciuto all'ambito turistico mentre risulterebbe carente il supporto previsto per la creazione e il consolidamento di una filiera del cinema umbro; non sarebbero state ben delineate le competenze della Fondazione "Umbria film commission" rispetto alle prerogative proprie della Giunta; risulterebbe carente il riconoscimento del ruolo dei territori quali attrattori per produzioni cinematografiche; non sarebbero previste adeguate risorse per gli investimenti per lo sviluppo delle imprese regionali del settore; risulterebbe già ora macchinoso, per i Comuni, interfacciarsi con la Film commission, che non svolgerebbe un ruolo attivo nell'attrarre produzioni in Umbria.
    La Terza commissione, ha spiegato Pace, si riunirà nelle prossime settimane per discutere il testo, analizzare ed eventualmente accogliere le proposte avanzate dai soggetti intervenuti. Importante risulterebbe però procedere all'approvazione della legge prima del termine della Legislatura, per provvedere ad un adeguamento normativo ormai necessario.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza