Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scoperta la truffa del 'cash trapping' al bancomat

Scoperta la truffa del 'cash trapping' al bancomat

La guardia di finanza denuncia due persone a Perugia

PERUGIA, 07 dicembre 2023, 15:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un finanziere libero dal servizio ha notato un'anomalia allo sportello bancomat dove stava facendo un prelievo ed ha allertato i suoi colleghi del comando provinciale di Perugia che sono così riusciti a sventare un'attività fraudolenta posta in essere ai danni dei cittadini, denunciando due persone.
    Il finanziere aveva cercato di prelevare allo sportello dell'ufficio postale di via Settevalli a Perugia, rilevando un'anomalia nella fessura di erogazione, dove era stato installato un congegno per catturare le banconote. Si era inoltre insospettito per l'atteggiamento di una donna che sostava nelle vicinanze e di un uomo all'interno di un'autovettura parcheggiata nei pressi.
    Ha quindi allertato i colleghi impegnati nel servizio di pubblica utilità "117" che sono intervenuti. Dai controlli svolti è emerso che nel bancomat era stato effettivamente installato un marchingegno artigianale in alluminio, simile ad una molletta, cosiddetto "cash trapping". I due sospettati, risultati essere di nazionalità romena, sono stati fermati per un controllo, perquisiti e trovati in possesso di banconote per circa 500 euro, di numerosi rotoli di nastro biadesivo e di un uncino.
    I due sono stati denunciati per furto aggravato e sono in corso ulteriori accertamenti.
    Il cash trapping (cattura banconote) - spiegano i finanzieri - è una tecnica di manomissione degli Atm che consiste nell'inserimento, sulla fessura da cui fuoriescono le banconote, di un piccolo oggetto metallico (in questo caso una sorta di molletta) che trattiene le banconote. Il cliente all'atto del prelievo, pur notando sul monitor del bancomat la scritta che l'operazione del prelievo è stata correttamente eseguita, non riesce a prelevare le banconote che rimangono intrappolate all'interno. Una volta che il cliente si è allontanato, i ladri si recano rapidamente allo sportello, rimuovono la forcella metallica e recuperano i soldi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza