Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

De Luca, quello approvato è piano per nuovo inceneritore

De Luca, quello approvato è piano per nuovo inceneritore

Per consigliere M5s 'peggioramento emergenza ambiente'

PERUGIA, 14 novembre 2023, 19:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"L'Assemblea legislativa approva il piano per la costruzione del nuovo inceneritore tra le risatine generali dei consiglieri e della Giunta di centrodestra. Un piano fatto non in funzione della gestione dei rifiuti, ma finalizzato alla costruzione di un impianto di incenerimento che porterà ulteriori costi sulle spalle dei cittadini e al peggioramento dell'emergenza ambientale, sanitaria e climatica della nostra regione. Altro che riduzione delle tariffe per famiglie e imprese": così il capogruppo del Movimento 5 stelle, Thomas De Luca dopo l'approvazione in Assemblea legislativa del nuovo piano rifiuti.
    "Per alimentare il nuovo inceneritore - sostiene De Luca -, per cui la responsabilità sulla localizzazione è stata lasciata sulle spalle dei sindaci dei territori, sarà, al contrario, necessario aumentare la produzione dei rifiuti e ampliare le discariche. Per questo motivo, tra l'indifferenza generale della maggioranza, sono stati respinti gli emendamenti proposti dal Movimento 5 stelle che intendevano investire su recupero, riciclo e raccolta differenziata e che chiedevano maggiore trasparenza di costi. Non ci sorprende affatto il respingimento di tutti gli emendamenti proposti volti alla riduzione dei rifiuti e allo scarto da raccolta differenziata. Approvarli avrebbe significato mettere a rischio la sostenibilità economica dell'inceneritore, mentre è chiaro che l'obiettivo della giunta Tesei è proprio quello e non gestire al meglio l'intero ciclo nell'ottica della circolarità e del bene comune. Una costante contraddizione, frutto della decisione di andare dritti su questa strada". “Denunciamo – continua De Luca - anche la totale mancanza di confronto sull'impatto di discariche e inceneritori per il solo motivo che questo avrebbe creato allarme tra la popolazione. La battaglia che non era sostenibile dentro l'Assemblea, dove la maggioranza disponeva di tutti i voti necessari, ora si sposta sui territori dove la Regione dovrà cercare di realizzare il nuovo inceneritore e spiegare queste scelte ai cittadini, ai lavoratori, a coloro che saranno esposti. Una palese dimostrazione del greenwashing politico è il respingimento di emendamenti che chiedevano l'attuazione della legge regionale per il contrasto allo spreco nel consumo dei prodotti alimentari e farmaceutici, sgravi fiscali per i gestori dei rifiuti che incentivano la riduzione degli scarti, il piano di bonifica delle aree inquinate, il piano di sorveglianza epidemiologica. Hanno ignorato quei cittadini che non sanno di vivere accanto alle discariche e coltivare terreni incontaminati, così come hanno ignorato l'impatto dell'Acciaieria di Terni che propone di svuotare parte della discarica di vocabolo Valle con impatto immediato sul sistema delle discariche umbre. Potevano scegliere di aumentare e migliorare la raccolta differenziata riducendo lo scarto perché in Umbria abbiamo l'impiantistica per farlo e invece no. Ci saremmo aspettati almeno una presa di responsabilità e non uno scaricabarile sui sindaci. Se parlano di impatto zero del nuovo inceneritore, il minimo è indicare il luogo idoneo dove realizzarlo. Ma se ne lavano le mani. Ecco perché il Piano di gestione dei rifiuti votato oggi - conclude De Luca - è in realtà il piano per il nuovo inceneritore”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza