Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nobel per la Pace Mohammadi, 'l'Iran una tirannia misogina'

Nobel per la Pace Mohammadi, 'l'Iran una tirannia misogina'

Il messaggio dell'attivista imprigionata alla cerimonia di Oslo

OSLO, 10 dicembre 2023, 16:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'attivista iraniana Narges Mohammadi premiata con il Nobel per la pace e oggi assente a Oslo perché detenuta nella prigione di Evin, a Teheran, ha condannato in un messaggio il "regime religioso tirannico e misogino" dell'Iran.
    Strenua oppositrice dell'obbligo di indossare l'hijab per le donne e della pena di morte nel Paese, Mohammadi è detenuta dal 2021 e non ha potuto ricevere di persona il prestigioso premio.
    "Il vostro supporto è significativo e potente e profondamente apprezzato" così si apre il discorso, scritto in francese, di Mohammadi, la cui prima parte è stata letta dalla figlia 17enne Kiana Rahmani. "Scrivo questo messaggio da dietro le alte, fredde mura di una prigione. Sono una donna mediorientale da una regione che, nonostante la sua ricca civilizzazione è intrappolata in guerra, dal fuoco del terrorismo e degli estremismi", afferma la Nobel per la Pace. La seconda parte è stata letta dal figlio Ali Rahmani: "Il movimento donna, vita, libertà...ha accelerato il processo di transizione verso il raggiungimento di democrazia, libertà e pari diritti in Iran dando chiarezza e significato alla richiesta storica del popolo iraniano". I due figli assieme sul podio davanti al re Harald V e alla regina hanno scandito lo slogan delle proteste che hanno scosso l'Iran in farsi e in inglese: "Zan. Zendegi. Azadi", "Donna. Vita. Libertà" tra una standing ovation e l'emozione di tutti i presenti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza