Usa: accusatrice Cuomo, voleva venire a letto con me

Bennett a Cbs, non me l'ha chiesto direttamente

(ANSA) - NEW YORK, 04 MAR - "Ho pensato volesse venire a letto con me. Ho pensato che non ero a mio agio e che dovevo uscire dalla stanza". Charlotte Bennett, la seconda accusatrice del governatore di New York, racconta le sensazioni e le paure provate quando Andrew Cuomo l'ha abusata. Bennett racconta come Cuomo, nel corso di un incontro, le aveva chiesto della sua vita sessuale, se era monogama e se aveva mai avuto rapporti sessuali con uomini più grandi. Un incontro avvenuto in primavera nell'ufficio del governatore, quando Bennett lavorava per Cuomo.
    "Mi ha detto che era a suo agio con chiunque avesse più di 22 anni", racconta la 25enne Bennett a Cbs, precisando che "senza chiedermi direttamente di andare a letto me lo ha fatto capire, mi ha fatto capire che si sentiva solo". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie