Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Israele, via il visto alla coordinatrice umanitaria Onu 

Israele, via il visto alla coordinatrice umanitaria Onu 

Nuova lite: 'Hastings non ha condannato il massacro di Hamas' 

06 dicembre 2023, 20:26

Redazione ANSA

ANSACheck

Lynn Hastings - RIPRODUZIONE RISERVATA

Lynn Hastings - RIPRODUZIONE RISERVATA
Lynn Hastings - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'ultimo capitolo dello scontro aperto tra Israele e le Nazioni Unite si chiama Lynn Hastings. La coordinatrice umanitaria dell'Onu - all'indomani delle sue parole di allarme per "uno scenario infernale" a Gaza per i bombardamenti nel sud della Striscia - si è infatti vista revocare da Israele il visto di residenza, con l'accusa di non essersi pronunciata contro Hamas per l'attacco del 7 ottobre. "Non rimarremo più in silenzio di fronte ai pregiudizi delle Nazioni Unite", ha scritto in un post il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen, annunciando la revoca del permesso. "Una persona che non ha condannato Hamas per il brutale massacro di 1.200 israeliani ma condanna invece Israele, un Paese democratico che protegge i suoi cittadini, non può prestare servizio nelle Nazioni Unite e non può entrare in Israele", è l'affondo del capo della diplomazia dello Stato ebraico. In risposta, l'Onu è corsa in difesa dell'operato di Hastings, con il segretario generale Antonio Guterres che ha ribadito tramite il portavoce "piena fiducia" nella coordinatrice umanitaria. La misura contro Hastings è l'ultimo episodio di uno scontro che va avanti sin dai primi giorni della guerra, dopo che dal Palazzo di Vetro Guterres ha affermato che "gli attacchi di Hamas non sono arrivati dal nulla", scatenando l'indignazione di Israele che ne ha chiesto le dimissioni. La lite è proseguita nelle settimane successive, in un continuo botta e risposta per le dichiarazioni dei diversi funzionari Onu, spesso critiche nei confronti dell'offensiva israeliana che accresce il numero di morti tra i civili a Gaza. E lo scontro resta anche quando le posizioni sembrerebbero poter essere comuni. Come nel caso di Catherine Russell, direttrice generale dell'Unicef, quando ha definito "orribili i resoconti delle violenze sessuali avvenute il 7 ottobre in Israele". Il portavoce del ministero degli Esteri israeliano Lior Haiat le ha bollate come parole tardive e insufficienti: "Ci sono voluti quasi due mesi perché l'Unicef ;;parlasse delle vittime israeliane", ha commentato, sottolineando che Russell non menziona Hamas. Intanto, per la prima volta da quando è in carica, Guterres ha invocato l'articolo 99 della Carta Onu, che consente al segretario generale di portare all'attenzione del Consiglio di sicurezza qualsiasi questione che, a suo avviso, possa minacciare il mantenimento della pace e sicurezza internazionale. L'obiettivo è "esortare i membri del Consiglio a fare pressione per evitare una catastrofe umanitaria e lanciare un appello affinché venga dichiarato un cessate il fuoco umanitario", mentre l'offensiva israeliana sferza il sud della Striscia.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza