Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'avvocato eroe di Gerusalemme freddato dai soldati

L'avvocato eroe di Gerusalemme freddato dai soldati

Ha fermato i killer poi in ginocchio ha urlato 'sono israeliano'

01 dicembre 2023, 18:05

Aldo Baquis

ANSACheck

Attentato a Gerusalemme - RIPRODUZIONE RISERVATA

Attentato a Gerusalemme - RIPRODUZIONE RISERVATA
Attentato a Gerusalemme - RIPRODUZIONE RISERVATA

Israele piange l'uomo che ieri a Gerusalemme si è lanciato contro i due terroristi di Hamas che sparavano verso decine di persone in attesa dell'autobus neutralizzandoli entrambi in una manciata di secondi a colpi di pistola. Le ultime immagini lo riprendono in ginocchio sull'asfalto con le mani sollevate e la pistola gettata a terra. Secondo una testimone ha gridato disperatamente "non sparate su di me, sono israeliano, sono ebreo".

Ma è stato colpito egualmente dai proiettili di due soldati della riserva accorsi da un'altra direzione decisi ad abbattere i killer di Hamas: pensavano che fosse uno di loro e hanno sparato per uccidere. Dopo molte esitazioni, la magistratura militare oggi ha annunciato di aver aperto un'indagine sul loro comportamento. Nell'attentato rivendicato da Hamas sono rimasti uccisi un rabbino settantenne, la direttrice di una scuola religiosa ed una giovane sposa, in stato di gravidanza. Yuval Doron Kastelman - questo il nome di quello che adesso viene definito 'l'eroe di Gerusalemme' - era un avvocato di 38 anni, impiegato statale. Ieri ha visto le prime fasi dell'attacco mentre si trovava nella sua automobile, nella carreggiata opposta a quella degli attentatori. Ha sfoderato la pistola, ha attraversato di corsa quattro corsie e li ha sorpresi di lato. La sua mira è stata precisa ed è riuscito a bloccare i killer, evitando così che il bilancio fosse ancora più tragico. Ma da un'altra parte sono sopraggiunti i due riservisti: le immagini diffuse sul web lo mostrano implorante, poi rantolante sotto i loro proiettili. Adesso i due militari - che ieri hanno rilasciato un'intervista ad una televisione di estrema destra - sono sotto accusa.

La tragedia ha subito assunto una connotazione politica, anche perché ieri - sul luogo dell'attentato - il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir (del partito di estrema destra Potere ebraico) è tornato a rivendicare la decisione di distribuire in massa armi ai civili per rafforzare la sicurezza. "Queste armi - ha detto Ben Gvir - salvano vite umane" perché consentono di bloccare attentati nella fase inziale anche in assenza di agenti. Per i due soldati, a quanto pare, non ci saranno risvolti penali anche perché sul cadavere di Kastelman non è stata condotta un'autopsia e dunque non sarà possibile stabilire da che tipo di proiettile sia stato ucciso. Tuttavia potrebbero aver infranto la disciplina militare avendo sparato ripetutamente contro una persona che non rappresentava alcun pericolo, avendo gettato l'arma e sollevato le mani. Nel 2016 Israele si spaccò sul caso di Elor Azaria: un caporale che colpì a morte un attentatore palestinese dopo che questi giaceva ferito a terra ormai neutralizzato. Malgrado i vertici militari lo abbiano incriminato e poi condannato, Azaria è poi diventato un simbolo per l'estrema destra. Oggi Kastelman avrebbe festeggiato il suo compleanno. Invece è stato sepolto in un cimitero nel nord di Israele. "Era il suo carattere, sempre pronto a lanciarsi in aiuto del prossimo", hanno raccontato i familiari. "Addio, eroe di Gerusalemme", è stato l'epitaffio della radio pubblica Kan.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza