Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Una targa nel luogo dove morì Gramsci', appello degli studiosi

'Una targa nel luogo dove morì Gramsci', appello degli studiosi

'Si è spento nella clinica Quisisana di Roma, nulla lo ricorda'

ROMA, 11 dicembre 2023, 00:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ricordare in maniera visibile il luogo della morte di Antonio Gramsci: è l'appello di alcun studiosi che chiedono che sia apposta una targa nella clinica Quisisana di Roma dove l'intellettuale, tra i fondatori del Pci e strenuo antifascista, morì il 27 aprile del 1937.
    In quel luogo Gramsci, detenuto dal regime, trascorse gli ultimi due anni circa della sua vita perché afflitto da una grave malattia. La proprietà della Quisisana, diventata negli anni Ottanta una struttura sanitaria privata, secondo i promotori dell'iniziativa ha fin qui negato ogni possibilità.
    "La nostra richiesta - si legge nell'appello - farebbe onore alla clinica, vista peraltro la gloria postuma di cui gode Gramsci a livello mondiale, e che contribuisce a fare dell'Italia un centro di prima grandezza del pensiero politico moderno. Anche per questo va combattuta la tendenza a emarginare quando non a cancellare le culture e le origini antifasciste della Repubblica. Facciamo dunque appello alle istituzioni competenti e alle persone "non indifferenti" di sottolineare con il loro intervento, o con la loro firma, la protesta contro la scelta della clinica di negare un ricordo degli ultimi dolorosi giorni di Antonio Gramsci".
    L'appello, pubblicato anche sul sito del quotidiano Il Manifesto all'indirizzo https://ilmanifesto.it/una-targa-per-ricordare-dove-mori-gramsci  , ha finora registrato circa 1.300 adesioni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza