Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I porti australiani riaprono dopo un attacco informatico

I porti australiani riaprono dopo un attacco informatico

In scacco da venerdì, da oggi ripristino quasi totale dei flussi

SYDNEY, 13 novembre 2023, 04:39

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

I principali porti australiani, che gestiscono il 40% del traffico merci, hanno ripreso le operazioni. Lo ha confermato il principale operatore del settore, DP World, a tre giorni dallo sto imposto da un attacco informatico. Gli hacker da venerdì scorso tenevano in scacco il settore, impedendo ai camion di scaricare o ritirare merci nei porti di Sydney, Melbourne, Brisbane e Fremantle.
    "DP World Australia è lieta di annunciare che le operazioni sono riprese nei porti della compagnia in tutta l'Australia", ha annunciato l'operatore in una nota. L'azienda afferma di aver testato con successo i sistemi prima della riapertura e prevede di spostare 5.000 container dai quattro terminal nella giornata odierna, un volume quasi in linea con il consueto traffico giornaliero.
    Le indagini e gli sforzi per proteggere i sistemi potrebbero ancora causare "alcune interruzioni necessarie e temporanee" ai servizi portuali nei prossimi giorni, ha affermato la società.
    DP World ha affermato che le sue indagini e il lavoro di ripristino totale dei sistemi informatici richiederanno probabilmente "un po' di tempo".
    Il consulente di DP World Alastair MacGibbon non ha spiegato le modalità dell'attacco hacker, limitandosi a confermare che si è verificata "attività non autorizzata nel sistema". I dati sono stati prelevati da "qualcuno malintenzionato o non autorizzato", ha detto, senza però fornire dettagli sulla natura delle informazioni rubate.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza