Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gli australiani dicono 'no' ai diritti degli indigeni

Gli australiani dicono 'no' ai diritti degli indigeni

Bocciato lo storico referendum

SYDNEY, 14 ottobre 2023, 17:25

Redazione ANSA

ANSACheck

Australia votes against Indigenous Voice in constitution © ANSA/EPA

Australia votes against Indigenous Voice in constitution © ANSA/EPA
Australia votes against Indigenous Voice in constitution © ANSA/EPA

Gli australiani non hanno concesso, nello storico referendum di oggi, il riconoscimento costituzionale e maggiori diritti ai popoli indigeni del Paese: lo ha annunciato il vicepremier Richard Marles.
    "Gli australiani non hanno votato per una modifica della Costituzione", ha detto Marles alla luce dei risultati parziali della consultazione, che indicano una clamorosa sconfitta per la riforma. "Rispettiamo molto questo risultato", ha commentato Marles.
    Con due terzi dei seggi elettorali segnalati, il 55% degli elettori ha votato 'no' alla proposta, che avrebbe creato inoltre un ente consultivo - denominato 'Voce' - in grado di rappresentare le popolazioni indigene al Parlamento nazionale.
    Il primo ministro laburista Anthony Albanese aveva incluso il referendum tra gli impegni nella campagna per le elezioni vinte nel maggio dello scorso anno e ieri si era detto fiducioso in un risultato positivo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza