Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Danneggiata la moschea Omari, la più grande di Gaza

Danneggiata la moschea Omari, la più grande di Gaza

Colpita durante combattimenti. Simbolo della storia della città

GAZA, 08 dicembre 2023, 14:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La moschea Omari, uno dei principali simboli della storia millenaria di Gaza, è stata danneggiata in modo grave durante i combattimenti in corso, secondo quanto riferiscono fonti locali. Anche il suo celebre minareto è stato colpito, ma resta eretto nella sua altezza.
    Secondo la leggenda, in quel luogo i primi filistei avevano eretto un tempio in onore del Dio Dagan. In seguito i bizantini lo avrebbero trasformato in una chiesa, che nel VII secolo d.C., con la conquista islamica, sarebbe divenuta una moschea. Il suo minareto fu distrutto da un terremoto nel 1033. In seguito i crociati tornarono a farne una chiesa, ma con i mamelucchi la struttura tornò a essere utilizzata come moschea. Fu poi distrutta ancora dai mongoli e da un nuovo terremoto nel 1260.
    Avrebbe poi acquistato il suo splendore con gli ottomani, per essere danneggiata ancora nella Prima Guerra mondiale in un bombardamento britannico.
    La moschea Omari si trova a breve distanza dalla chiesa di San Porfirio, che pure è rimasta danneggiata il mese scorso in una sua struttura esterna durante i combattimenti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza