Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nuovo caso alla Bbc, dito medio in apertura delle news

Nuovo caso alla Bbc, dito medio in apertura delle news

Emittente incassa aumento del canone, ma reporter crea imbarazzo

LONDRA, 07 dicembre 2023, 22:15

Redazione ANSA

ANSACheck

Il logo della Bbc © ANSA/EPA

Il logo della Bbc © ANSA/EPA
Il logo della Bbc © ANSA/EPA

Ennesimo caso imbarazzante per la Bbc, emittente britannica simbolo di un intero Paese e modello di riferimento di servizio pubblico in Occidente. Dopo scandali insabbiati, polemiche su asserite interferenze politiche o addirittura ombre di censura, stavolta a creare lo scossone è un episodio minore: un banale scherzo, o una bravata venuta male, che tuttavia non contribuisce certo a risollevare l'immagine della leggendaria istituzione radiotelevisiva del Regno.
    Protagonista del passo falso è stata una giornalista, Maryam Moshiri, che in apertura delle news di ieri a mezzogiorno è stata fugacemente sorpresa dalle telecamere mentre esibiva il dito medio in direzione dei cameramen presenti in studio.
    Figuraccia di cui si è subito accorta, riprendendo un'espressione seria e iniziando a leggere il sommario di giornata partendo dalla dichiarazione di scuse e dalla parziale ammissione di colpa fatta dall'ex premier Boris Johnson dinanzi alla commissione d'inchiesta sulla risposta britannica all'emergenza Covid in relazione a errori e ritardi imputati al suo governo nella prima fase della pandemia. Una coincidenza, apparentemente, visto che il gestaccio sarebbe stato in effetti rivolto ai colleghi di lavoro, non si sa se per burla o nell'ambito di una qualche scommessa giocata sulla sfida ad arrischiare un comportamento improprio a ridosso della messa in onda.
    Sia come sia, il video è divenuto immediatamente virale sul web come su altri media, fra rimbrotti e prese in giro. Sullo sfondo di una scivolata di cui i vertici dell'azienda avrebbero fatto volentieri a meno due giorni dopo la designazione da parte del governo conservatore di Rishi Sunak d'un nuovo presidente di garanzia per l'emittente, nella persona del rispettato ex giornalista e dirigente televisivo di lungo corso Samir Shah, al posto del chiacchierato ex banchiere Richard Sharp, costretto mesi fa a dimettersi per un coinvolgimento in veste di mediatore in affari personali di Johnson, capo del governo che l'aveva nominato. E alla vigilia dello sblocco, dopo due anni di congelamento, dell'atteso incremento del canone: annunciato giusto oggi dalla ministra della Cultura e dei Media, Lucy Frazer, dall'aprile 2024, sia pure nella misura dell'inflazione di settembre (+6,7%, da 159, a 169,5 sterline all'anno) contro il +9% richiesto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza