Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Russia un uomo ucciso da una tigre nell'estremo oriente

In Russia un uomo ucciso da una tigre nell'estremo oriente

Lo riporta il Moscow Times

MOSCA, 05 dicembre 2023, 15:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un esemplare di tigre dell'Amur, una specie in pericolo, avrebbe ucciso un uomo nella regione di Khabarovsk, nell'estremo oriente russo: lo sostiene il Comitato investigativo russo, ripreso dal Moscow Times. Stando all'organizzazione no profit "Centro Tigre dell'Amur", citata sempre dal Moscow Times, la tigre vagava attorno al villaggio di Obor e avrebbe ucciso il cane dell'uomo, che l'avrebbe seguita nella foresta.
    Le autorità della regione di Khabarovsk riferiscono di quasi 300 episodi in cui delle tigri sarebbero entrate quest'anno in zone abitate. Secondo gli esperti citati dal Moscow Times, l'aumento degli incontri tra esseri umani e tigri siberiane potrebbe indicare "gravi disagi" negli habitat degli animali. "A mio avviso", questi episodi "sono associati alla distruzione degli habitat dei predatori a causa del disboscamento, della caccia eccessiva delle prede della tigri e della peste suina africana che ha decimato la restante popolazione di cinghiali", ha detto lo zoologo Sergei Kolchin alla testata Kedr, che si occupa di ambiente.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza