Cultura

Alice canta Battiato, 2 standing ovation a Recanati

Cantante, 'questi applausi sono per lui'

(ANSA) - RECANATI, 30 LUG - Doppia standing ovation: una al termine del programma e l'altra dopo i bis, ieri sera, 29 luglio, a Recanati (Macerata) per Alice, che si è esibita nella magica cornice di Piazza Giacomo Leopardi nel concerto sold out 'Alice canta Battiato', dedicato al cantautore scomparso nel maggio scorso, con il quale la cantante ha avuto un lungo sodalizio artistico.
    Bella ed elegante, in un tailleur pantalone di velluto di seta nero che le scivolava sul corpo e i capelli mossi dalla brezza serale, ha ringraziato il pubblico che la osannava dichiarando "questi applausi sono per Franco", al termine di uno spettacolo coinvolgente ed intimo costruito solo sulla sua voce e sull'accompagnamento al piano di Carlo Guaitoli, storico collaboratore di Battiato. Una scaletta di 19 brani, a partire dagli esordi della collaborazione tra i due artisti fino all'ultimo tour del 2016 'Battiato e Alice', cantati con una voce intensa e potente, che negli anni non ha perso il suo smalto, abbinata ad una presenza scenica che ha catturato gli spettatori fin dal primo istante. Così per 'Luna indiana', 'E' stato molto bello', ed 'Eri con me'. "Avevo chiesto a Franco una canzone mistica - ha detto Alice - riferendosi a quest'ultimo brano. Mi ha detto che aveva bisogno d'ispirazione, ma dopo tre giorni mi ha chiamato e me l'ha fatto ascoltare". E ancora 'L'animale': "un ricordo speciale - ha dichiarato Alice - perché Battiato nel 2016 mi ha chiamato sul palco a cantarla per la prima volta", e 'Io chi sono', "non solo una canzone, ma un'esperienza che Franco ci ha voluto donare per il nostro cammino evolutivo".
    Poi i brani più celebri scanditi dal ritmo degli applausi: Povera patria, Il vento caldo dell'estate, I treni di Touzer, cantata insieme a Battiato nel 1984 all'Eurovision Song Contest, fino a La cura. Dopo una lunga standing ovation, tre bis : Prospettiva Nevsky, la storica Per Elisa, vincitrice del Festival di Sanremo 1981 e L'era del cinghiale bianco, salutata dalle ovazioni del pubblico in piedi. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie