Cultura

Lowlow, mi racconto "In prima persona"

Esce nuovo album che segna evoluzione artistica e personale

Determinato, consapevole, pronto a mettersi in gioco. Il rapper Lowlow torna con un nuovo album, in uscita il 30 luglio, e lo fa mettendosi a nudo, come promette il titolo: "In prima persona" (Epic Records Italy/Sony Music Italy).
    "La parola chiave per raccontare questo disco e questo periodo della mia vita - racconta il 28enne romano - è la ricerca di apertura: rispetto ai miei lavori precedenti, nei quali mi nascondevo dietro a tanti riferimenti culturali, stavolta in primo piano ci sono io. Ho messo da parte paure e vulnerabilità che si traducevano in rabbia per trovare una tranquillità umana che finora mi era mancata". Perché, rivendica, Lowlow e Giulio (il suo nome all'anagrafe) "sono la stessa persona, ma ora - citando Eminem - non ho più paura di farmi male".
    "In prima persona", dunque, segna un'evoluzione artistica e personale del rapper, che racconta il quotidiano e il suo vissuto senza filtri, mostrando se stesso senza rinunciare a una scrittura da sempre fortemente identitaria. "Ho tolto la maschera e sono diventato più vero, più reale. Più che nella forma il cambiamento è nella sostanza".
    Per questo disco, punto di arrivo ma anche di partenza il cui filo conduttore è la personalità dell'artista in tutte le sue sfaccettature, Lowlow, pur mantenendo il sodalizio con Big Fish, ha voluto al suo fianco vari colleghi e produttori, aprendosi a sonorità nuove. Nell'ultimo singolo "Coscienza Sporca" c'è l'amico Briga, in "Fino a che non ti odierò" il feat. con Ghemon, ma tra gli ospiti anche J-Ax e SVM. I brani sono firmati dai producer Daddy's Groove, DFO, Cosmophonix, Marvely e Leo. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie