Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Depardieu senza freni, avance e commenti osceni anche su una bambina di 10 anni

Depardieu senza freni, avance e commenti osceni anche su una bambina di 10 anni

Polemiche per i video girati nel 2018 in Nordcorea. 'Fa vomitare'

PARIGI, 08 dicembre 2023, 20:22

Redazione ANSA

ANSACheck

Gerard Depardieu © ANSA/EPA

Gerard Depardieu © ANSA/EPA
Gerard Depardieu © ANSA/EPA

Come un "mostro ma non più veramente sacro": nuovi imbarazzanti filmati trasmessi da Complément d'Enquete, la trasmissione d'inchiesta della tv pubblica francese, svelano un Gérard Depardieu senza freni, più disinibito che mai nei suoi commenti sessisti e sessuali, persino nei confronti di una bimba. Immagini che risalgono al 2018, quando l'attore 'mostro sacro', appunto, del cinema d'Oltralpe va in Corea del Nord per le celebrazioni dei 70 anni del regime di Pyongyang, al fianco dello scrittore e regista, Yann Moix.

Al ritorno da quella controversa visita nel regno di Kim Yong-Un, Moix monta un documentario, mai visto né trasmesso prima, di cui 'Complément d'enquete' ha diffuso alcuni estratti nell'ambito di una puntata speciale dedicata a Depardieu, andata in onda ieri su France 2. Nel video la stessa interprete scelta per accompagnare l'attore in Corea del Nord è oggetto di avance e battute a sfondo sessuale. Visitando un maneggio, e guardando poi una bimba di appena dieci anni montare a cavallo, l'attore dice: "Se il cavallo va al galoppo, lei gode". Poi suggerisce all'interprete di darsi all'ippica. "Fa benissimo", sottolinea Depardieu, aggiungendo che le donne che praticano l'equitazione "amano moltissimo anche... altro".

Depardieu sembra non pensare ad altro. Dopo essersi pesato su una bilancia, annuncia all'interprete: "124 (kg), 124 cara! E non ho nemmeno un'erezione. In erezione: 126!". Poi la richiesta di una foto insieme per "toccare il culo" dell'interprete.

"Gérard Depardieu è un mostro ma non più veramente sacro", è l'impietoso commento del quotidiano belga Le Soir, in un articolo consacrato alle scorribande dell'attore in Nordcorea.
Intanto, sulle colonne di Le Figaro, Yann Moix denuncia la diffusione non autorizzata di quelle immagini. "È stato il mio produttore che ha dato parte del mio girato senza avvertire. Si chiama Anthony Dufour. Sporgerò denuncia contro di lui". Ma sia quest'ultimo sia la redazione di Complèment d'Enquete assicurano che è tutto regolare.

Intanto, nel mondo del cinema e della tv c'è chi prende le distanze dall'attore. "Mi viene voglia di vomitare", commenta Justine Becattini (Juju Fitcats), presentatrice del programma 'La France a un incroyable talent', rivolgendosi a Depardieu: 'Se noi cavallerizze montiamo a cavallo, è perché quegli 'animali' sono molto più umani, intelligenti e rispettosi di lei".

Almeno sedici donne hanno accusato di abusi sessuali l'attore dal doppio passaporto francese e russo. Depardieu è indagato dal 2020 per stupro ai danni dell'attrice Charlotte Arnould ed è stato accusato più di recente dall'attrice Hélène Darras, nell'ambito di una presunta aggressione sessuale perpetrata nel 2007, durante le riprese del film Disco. Intitolata 'Gérard Depardieu: la caduta dell'orco', l'ultima puntata di 'Complèment d'Enquete' è stata vista ieri sera da 1,52 milioni di telespettatori.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza