Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Favoreggiatrice Messina Denaro, 'seguo percorso di legalità'

Favoreggiatrice Messina Denaro, 'seguo percorso di legalità'

Martina Gentile al gip,'ora consapevole,mi sento tradita da lui'

PALERMO, 11 dicembre 2023, 17:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha iniziato un percorso di legalità con una associazione antimafia e gli assistenti sociali e ha scelto di lasciare il suo paese, Campobello di Mazara, per andare a insegnare a Pantelleria per prendere le distanze da un contesto in cui non si riconosceva più. Nelle brevi dichiarazioni spontanee rese al gip Martina Gentile, figlia di Laura Bonafede, storica amante di Matteo Messina Denaro, precisa di aver maturato una serie di consapevolezze dopo aver letto chi realmente fosse il padrino che l'aveva cresciuta come una figlia. E di aver capito che l'affetto che nutriva per lui era mal riposto e di essere stata tradita sentimentalmente.
    Ad aprire gli occhi alla giovane donna, che è agli arresti domiciliari con l'accusa di favoreggiamento nei confronti del capomafia, sarebbero stati gli atti d'accusa avanzati a suo carico dalla Procura che già nei mesi scorsi aveva chiesto il suo arresto. Allora il gip negò però la misura per mancanza di indizi. Seguirono nuove indagini e la decisione del giudice di disporre per lei, madre di una bimba di 30 mesi, gli arresti domiciliari.
    Nel frattempo mesi fa la Procura per i minorenni aveva chiesto al Tribunale la sospensione della potestà genitoriale per la Gentile, nel timore che potesse educare la figlia ai disvalori mafiosi, e di affidare la piccola a una comunità, nonostante il marito della donna fosse incensurato e non sia stato indagato.
    Il procedimento era stato rinviato al 30 gennaio, ma dopo l'arresto della ragazza i pm hanno fatto nuova istanza al giudice perché decidesse sulla potestà genitoriale con urgenza e senza sentire l'indagata. Istanza parzialmente respinta dal Tribunale che ha solo anticipato l'udienza al 22 dicembre, ma che ha deciso di ascoltare la Gentile.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza