Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sanita: a Salina proteste per riduzione servizi emergenza

Sanita: a Salina proteste per riduzione servizi emergenza

Sindaci, indispensabili in un tessuto disagiatissimo

LIPARI, 03 marzo 2023, 11:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Cresce la preoccupazione nell'isola eoliana di Salina per la paventata riduzione del Presidio territoriale d'emergenza. A farsi portavoce delle preoccupazioni dei cittadini e del loro forte malcontento sono i sindaci Domenico Arabia (Santa Marina Salina), Giacomo Montecristo (Leni) e Clara Rametta (Malfa) che hanno inviato una nota al presidente della Regione, all'assessore regionale alla Salute, al Dipartimento regionale per la pianificazione strategica e al direttore dell'Asp di Messina.
    I tre sindaci degli altrettanti comuni dell'isola, dopo aver evidenziato l'importanza del presidio, hanno chiesto "venga preservata l'operatività attuale del Pte di Salina, in virtù della propria funzione sociale ed emergenziale che assume tale postazione, in un tessuto disagiatissimo. Le aree, come le isole minori e Salina in particolare non dovrebbero, mai, essere oggetto di riduzione di nessun servizio, tantomeno quelli sanitari o relativi ai servizi di emergenza ed urgenza: al contrario dovrebbero essere rafforzate, al di là degli aspetti meramente numerici concentrandosi sulla qualità ed importanza dei servizi offerti".
    "La rimodulazione, se operata - concludono i sindaci - comporterà inevitabilmente una riduzione e il peggioramento del servizio di emergenze in un territorio definito 'disagiatissimo', privo (ad eccezione del Pte) di strutture ospedaliere, in cui risiedono circa 2.500 abitanti tutto l'anno, i quali vedranno ridotto in maniera drastica il diritto alla salute e, segnatamente, la possibilità di essere garantiti e soccorsi adeguatamente in caso di emergenze e urgenze".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza