Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Crollo viadotto Palermo Agrigento, prescrizione per 9 imputati

Crollo viadotto Palermo Agrigento, prescrizione per 9 imputati

Aperto senza collaudo nel 2014 rimase in piedi una settimana

PALERMO, 29 novembre 2023, 18:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il crollo del viadotto Scorciavacche sulla strada statale Palermo Agrigento a dicembre del 2014 scatenò le ire dell'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Il viadotto fu aperto senza collaudo e rimase in piedi dal Natale 2014 al Capodanno 2015. Adesso dopo nove anni per la prescrizione sono usciti di scena, come scrive il quotidiano on line Live Sicilia, i dirigenti dell'Anas Alfredo Bajo, Claudio Bucci, Maria Coppola, Salvatore Giuseppe Tonti, i rappresentanti dell'impresa Giuseppe Buzzanca, Stanislao Fortino, Fulvio Giovannini, Pierfrancesco Paglini, Giuseppe Russello e Nicolò Trovato. Il processo va avanti per l'ex presidente dell'Anas, Pietro Ciucci, e i dirigenti Stefano Liani e Michele Vigna. Lo ha deciso il Tribunale di Palermo prendendo atto che per i reati di attentato alla sicurezza dei trasporti e falso si è perso troppo tempo. Non è andata prescritta l'ipotesi di induzione a dare o promettere utilità. Il cedimento del viadotto avvenne il 30 dicembre 2014, una settimana dopo l'inaugurazione lungo lo scorrimento veloce Palermo-Agrigento in territorio di Mezzojuso.
    Ad incidere sui tempi, rendendoli biblici, è stato un conflitto di competenza risolto dalla Cassazione. I supremi giudici stabilirono che la sede naturale del processo era Palermo, e non Termini Imerese o Roma, perché è la città dove furono firmati in contratti, mentre a Roma ha sede l'Anas e a Termini Imerese ricade il tratto di strada. A sollevare il tema della competenza furono i legali delle difese fra cui Fabrizio Lanzarone, Enrico Sorgi, Giovanni Crimi, Alfonso Sorge e Andrea Crescimanno. A segnare la storia del processo anche i passaggi di sezione e le riassegnazioni. Secondo l'accusa, pur in assenza di collaudo si procedette lo stesso con l'inaugurazione e l'apertura al transito. Nel crollo del viadotto non ci furono feriti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza