Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Muore dopo cinque giorni di agonia, caccia a pirata strada

Muore dopo cinque giorni di agonia, caccia a pirata strada

L'incidente è avvenuto a Palermo nei pressi dell'università

PALERMO, 28 novembre 2023, 08:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli agenti della polizia municipale sono a caccia del pirata della strada che ha investito a Palermo un giovane di 33 anni morto all'ospedale Civico dopo cinque giorni di agonia. Emanuele Magro, autotrasportatore di 33 anni, era stato soccorso la notte tra il 22 e il 23 novembre dai sanitari del 118 che lo avevano trasportato in codice rosso al Civico: a travolgerlo sarebbe stata una vettura. L'automobilista si sarebbe dato alla fuga, senza fermarsi a dare assistenza all'uomo ferito.
    Magro era stato trovato in via Ernesto Basile, nei pressi della cittadella universitaria. Non ricordava nulla ma aveva traumi ed era sanguinante. E' stato ricoverato in terapia intensiva, ma le condizioni si sono aggravate fino al decesso.
    Adesso gli agenti dell'infortunistica stanno passando al setaccio tutte le immagini dei sistemi di videosorveglianza per risalire all'automobilista che rischia un'incriminazione per omicidio stradale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza