Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I 'Silenzi' di Bernardo De Muro a Sassari alle Messaggerie Sarde

I 'Silenzi' di Bernardo De Muro a Sassari alle Messaggerie Sarde

L'autore del saggio interagisce con l'antropologo Bandinu

SASSARI, 14 febbraio 2024, 16:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ha un titolo evocativo: "Silenzi - nella natura, nella vita, nell'arte, nel racconto". E' il saggio, edito da Carlo Delfino, di Bernardo De Muro, cultore della parola, narratore prolifico, poeta, drammaturgo, favolista, studioso di retorica antica e moderna ed esperto di arte oratoria.
    Il volume sarà presentato venerdì 16 Febbraio alle 18 a Sassari nella sede delle Messaggerie Sarde di piazza Castello.
    L'antropologo e studioso Bachisio Bandinu, che ha firmato le introduzioni di alcuni testi di De Muro e Carlo Marcetti, commenteranno l'opera, interagendo con l'autore che, per le selezionate letture drammaturgiche, si avvarrà dei preziosi armonici della chitarra classica del maestro Lucas De Simone.
    Sono più profondi i silenzi dell'uomo o i silenzi della natura? E' l'interrogativo che attraversa il saggio. Nell'opera si trovano i silenzi di Dio e i silenzi dell'uomo, dell'enigma, dell'anima, dello specchio, della mitezza, dell'ignoto, delle parole mancate, del bisbiglio. Particolari i silenzi subiti e quelli imposti, creature terribili dell'uomo, e Bernardo De Muro li ha chiamati "ciliegie amare" difficili da dominare e da contrastare; riempiono più pagine del saggio e fanno riflettere per il loro doloroso tacere e la gravosità che ferisce l'animo.
    Rileggendoli, si coglie quanta disumanità pervade l'uomo e quanto poco faccia per estirparle, queste "ciliegie amare".
    Altro tema: come interpretare e vivere i nostri silenzi'? A volte sono riflessioni, altre volte nuocciono, motivano, aiutano. Se non si hanno cose da dire è meglio tacere, diceva Wittgenstein: in questo modo il silenzio gioverebbe sia a chi lo esercita sia a chi lo riceve. Scrive De Muro: "Si teme che il silenzio, quando perde gioia e freschezza, aggiunga fragilità a fragilità". Esorta ad abbandonare i silenzi rumorosi e quelli inopportuni, definendoli "rumori di fondo", "perniciosi sibili".
    E le stoccate: "Che l'iracondo smorzi la sua ira e prenda di mira se stesso, che l'invidia smetta di seminare vento".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza