Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dipendenti Comuni chiedono comparto unico, 2mila in corteo

Dipendenti Comuni chiedono comparto unico, 2mila in corteo

"Stesso trattamento regionale anche per migliorare i servizi"

CAGLIARI, 02 dicembre 2023, 19:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Circa duemila persone in piazza dei Centomila a Cagliari. Sono i dipendenti di Comuni ed enti locali che lanciano un sos sulla carenza di personale nelle amministrazioni di piccoli e grandi centri dell'isola.
    Hanno scelto il bianco - cappellini e magliette - come colore della mobilitazione. Il corteo è partito poco dopo le 10.30.
    Destinazione il Consiglio regionale. Numeri ridotti e disagi che si ripercuotono - spiegano i manifestanti arrivati nel capoluogo da tutta la Sardegna - sull'erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese.
    Con loro anche una trentina di sindaci e vari esponenti politici tra i quali Alessandra Todde e Renato Soru, in campo per le prossime regionali. La possibile soluzione? Un comparto unico con stesse regole e trattamento economico uguale a quello dei "regionali". Solo due delle 20 regioni in Italia non hanno nello stesso comparto gli enti locali- si legge nel manifesto di protesta - Sicilia e la Sardegna. Tutto questo "nonostante i Comuni e le Province svolgono in larga parte competenze devolute dalla Regione".
    Prima conseguenza: "un dipendente della Regione e un dipendente degli Enti Locali pur svolgendo lo stesso lavoro hanno retribuzioni molto differenti". Il comparto unico consentirebbe, dicono i manifestanti, un maggiore equilibrio nella distribuzione del personale: "Permette di realizzare un sistema integrato dei servizi pubblici ed una programmazione complessiva delle necessità della pubblica amministrazione dell'intera regione, potendo prevedere le assunzioni dove la necessità è maggiore, specie nei piccoli comuni, ponendo un argine allo spopolamento delle aree interne dovuto proprio della mancanza dei servizi".
    Per questo lo scorso 22 novembre nell'aula consiliare del Comune di Oristano è nato un comitato. La manifestazione - spiegano i partecipanti - vuole essere l'inizio di un percorso di mobilitazione pacifica e democratica per riformare la pubblica amministrazione della Sardegna.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza