Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le tartarughe Tayesy e Katakolon tornano in mare

Le tartarughe Tayesy e Katakolon tornano in mare

Liberate a Trani dopo un periodo di cura in centro recupero

TRANI, 30 novembre 2023, 10:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si chiamano Tayesy e Katakolon le due tartarughe della specie Caretta caretta liberate al largo della costa di Trani ieri pomeriggio dopo che, nei giorni scorsi, erano rimaste incastrate nelle reti di alcuni pescatori delle marinerie di Molfetta e Bisceglie, a nord di Bari. I due esemplari, rispettivamente lunghi 75 e 60 centimetri, hanno un'età compresa tra i 20 e i 40 anni.
    Prese in cura dai volontari del centro tartarughe di Molfetta (Bari) gestito dal Wwf, le testuggini sono state curate per una settimana perché una delle due presentava una patologia da annegamento, l'altra invece gasembolismo. Dopo la degenza sono state microchippate e lasciate in mare. Per la liberazione è stato utile il supporto dei mezzi della Lega navale di Trani che intende "istituzionalizzare iniziative" di rilascio in mare delle tartarughe "con la collaborazione dei pescatori locali e di associazioni di volontariato cittadine che operano per la tutela del mare" oltre a "Comune e scuole", spiega una nota. La Lega navale intende dare vita "in città a un piccolo centro per il recupero delle tartarughe gestito dai volontari".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza