Cina: a Changsha sono arrivati i 'Robotaxis'

Nel capoluogo dello Hunan un servizio di taxi senza conducente

Redazione ANSA

Un'auto bianca parcheggiata in un ampia strada a Changsha, capoluogo della provincia cinese dell'Hunan, attende i passeggeri. Tuttavia, c'è qualcosa di insolito in questo taxi dall'aspetto normale: non ha un "conducente".

    Changsha è stata la prima città nel Paese a lanciare il servizio di taxi autonomo per il pubblico, nel mese di aprile.
    Sebbene il servizio sia attualmente limitato a un'area selezionata della città, che copre comunità residenziali, aree commerciali e parchi industriali, Changsha è stata soprannominata "Città della guida intelligente" per aver inaugurato l'uso per il pubblico della tecnologia all'avanguardia.
    Le auto senza conducente, denominate Robotaxis, sono state coprodotte dal provider di ricerca e colosso dell'intelligenza artificiale cinese Baidu e dalla casa automobilistica cinese FAW Hongqi, ed è stato gestito dall'Hunan Apollo Intelligent Transportation (Hunan Apollo) con sede nella New Area della città di Xiangjiang. Gli utenti possono chiamare i taxi utilizzando Baidu Map, un'app di navigazione mobile.
    Il posto di guida non è esattamente vuoto ma occupato da "personale di sicurezza". "Durante la modalità di guida autonoma, non ho bisogno di controllare il volante a meno che non ci sia un'emergenza", ha detto Cao Jiajie, un tecnico di Hunan Apollo.
    "Il touchscreen dell'auto identifica gli ostacoli e realizza previsioni dinamiche all'interno del campo visivo a 360 gradi e visualizza le condizioni della viabilità relative a veicoli in transito, corsie, incroci e semafori", ha affermato Cheng Li, direttore del reparto di test e di funzionamento veicoli dell'azienda.
    Un portavoce dello Xiangjiang Smart Tech Innovation Center ha detto che la città è stata un campo di prova per diverse categorie di veicoli intelligenti, tra cui gli autobus a guida autonoma che circolano sulla prima linea di prova cinese di bus intelligenti su strada aperta.
    La linea di prova degli smart bus, costruita dalla Xiangjiang New Area, è lunga 7,8 chilometri. E' dotata di 22 fermate in entrambe le direzioni lungo il tragitto ed ha registrato un funzionamento sicuro già da due anni.
    L'acceleratore, il freno, il volante e la leva del cambio di questi veicoli autonomi sono tutti gestiti da computer, consentendo al "conducente" di controllare meglio durante i test di guida, ha spiegato He Jiancheng, uno dei membri del personale di sicurezza.
    "Il mio compito principale è quello di affrontare eventuali situazioni imprevedibili che l'auto potrebbe incontrare", ha detto.
    In base al livello di automazione, la tecnologia di guida intelligente in Cina e all'estero è stata classificata in cinque categorie da L1 a L5. I taxi e gli autobus a guida autonoma che circolano per le strade di Changsha appartengono rispettivamente alle categorie L4 e L3, vale a dire "livello di alta automazione" e "livello di automazione condizionale".
    Sebbene la Cina sia l'ultimo arrivato nel settore della guida autonoma, i piani ambiziosi di giganti della tecnologia come Baidu, Alibaba e Tencent e di startup come Pony.ai hanno spinto il settore.
    Secondo gli Autonomous Vehicle Disengagement Reports 2019 pubblicati dal California Department of Motor Vehicles, le auto a guida autonoma di Baidu sono in cima alla lista di "Miles per Intervention", con altre quattro società cinesi collocate tra le prime dieci.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA