Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Alluvione Marche, inaugurato a Cantiano il nuovo depuratore

Alluvione Marche, inaugurato a Cantiano il nuovo depuratore

Acquaroli, ripristino servizi e ricostruzione del territorio

CANTIANO, 04 dicembre 2023, 18:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Un'opera ultimata per il ripristino dei servizi e la ricostruzione di questo territorio che ha vissuto una sofferenza che non possiamo dimenticare".
    Così il presidente della Regione Marche e Commissario delegato Francesco Acquaroli, oggi a Cantiano, per l'inaugurazione del nuovo depuratore gravemente danneggiato dall'alluvione del 15 Settembre 2022.
    Alla presenza del prefetto Emanuela Saveria Greco, del sindaco Alessandro Piccini, del vicecommissario all'emergenza Stefano Babini, di Andrea Pierotti e Mauro Tiviroli, presidente e amministratore delegato di Marche Multiservizi che ha realizzato i lavori di somma urgenza, di tante autorità e rappresentanti istituzionali, Acquaroli ha sottolineato il lavoro di squadra che ha riportato alla funzionalità l'impianto che serve Cantiano e le frazioni di Chiaserna e Pontedazzo per un totale di oltre 3mila abitanti.
    Per ristabilire la funzionalità del depuratore sono stati eseguiti lavori di ripristino che hanno interessato le strutture civili, elettromeccaniche ed elettriche oltre alla pulizia dell'area da fango e detriti e alla demolizione e ricostruzione della nuova recinzione. E' stata ripristinata anche la strada di accesso all'impianto, divelta dalla piena, per circa un chilometro. L'importo complessivo dei lavori supera i 530mila euro.
    "Il lavoro che si sta facendo è davvero importante - ha aggiunto - ringrazio la struttura commissariale e i tecnici perché in questo contesto, dall'impatto così devastante, occorre fare sinergia, lavorare in squadra per dare la migliore risposta possibile. Lo dobbiamo ai cittadini, alle famiglie, alle imprese che sono state colpite dall'alluvione ed hanno ricostruito e riaperto le attività con grande forza, perché credono in questo territorio. La sfida ora non è solo ricostruire ma dare le risposte strutturali in termini di infrastrutture, di sicurezza e di servizi per fare di questo non solo un territorio ricostruito ma un territorio competitivo".
    La struttura commissariale sta portando avanti le procedure per l'impiego dei fondi stanziati dal Governo e l'obiettivo è "cercare di metterli a terra il prima possibile e in tempi rapidi in base procedure e alle esigenze dei Comuni, dei professionisti, che lavorano a queste fasi - ha proseguito il presidente - Ma per i prossimi anni per la cura e la manutenzione del territorio bisognerà cambiare approccio: che sia meno ideologico e più pragmatico, orientato al riciclo, in una visione che sappia rimettere un territorio così bello ma molto complesso come quello del Centro Italia e delle Marche in condizioni di essere anche sicuro. Lo stiamo facendo anche con la Legge urbanistica, in una prospettiva di sviluppo del nostro entroterra che possa essere sempre più attrattivo, capace di tenere le sue imprese e i suoi ì giovani, e far tornare l'attenzione sui nostri straordinari borghi". "Ci è stato consegnato da chi è venuto prima di noi un territorio straordinario - ha concluso Acquaroli - credo che debba essere nostro obiettivo quello di riconsegnarlo a chi verrà dopo di noi in maniera tale da mantenerlo altrettanto bello e sicuro".
    "Una giornata molto importante che restituisce alla nostra comunità la funzionalità del depuratore centrale del paese: un'infrastruttura strategica e fondamentale per il graduale ritorno alla normalità - ha affermato il sindaco di Cantiano Alessandro Piccini - Marche Multiservizi ci è stata estremamente vicina in questa fase emergenziale sia nei primi giorni dopo l'alluvione, garantendoci sostanzialmente in maniera immediata il ripristino dei servizi alla cittadinanza (acqua, gas e smaltimento rifiuti), sia in questa fase, che vede il soggetto gestore dei servizi al lavoro per il ripristino delle infrastrutture danneggiate dall'alluvione in maniera molto più efficace di altri soggetti attuatori. In tal senso è stato importante avere al nostro fianco un'azienda di servizi solida dal punto di vista finanziario, con la capacità quindi di anticipare gli interventi e dotata delle professionalità necessarie per accelerare il più possibile la realizzazione delle opere. Opere che, ricordo, sono di somma urgenza e dunque hanno consentito il ripristino dell'esistente. Ci auguriamo che con la stessa efficacia si possa accelerare la messa a terra delle risorse in capo alla struttura commissariale per le reti impiantistiche e gli impianti di depurazione con investimenti importanti sia in termini economici che di lavori grazie ai quali mettere al riparo le infrastrutture da eventi calamitosi come quello accaduto".
    "L'auspicio di Marche Multiservizi è che questa giornata, in cui andiamo ad inaugurare il nuovo depuratore di Cantiano, possa rappresentare un segnale di ripartenza e rilancio per le comunità colpite dall'alluvione del 2022 - hanno spiegato Andrea Pierotti e Mauro Tiviroli - Da maggio, quando sono stati approvati in Conferenza dei servizi i progetti e sono state impegnate le risorse, Marche Multiservizi ha realizzato 25 interventi di somma urgenza per un importo di 5,2 milioni di euro nei cinque Comuni colpiti. Otto di questi a Cantiano. Una mole di lavoro enorme che abbiamo cercato di realizzare nel minor tempo possibile per dare risposte concrete a cittadini e famiglie e costruendo le basi per un rilancio del territorio. Ma al di là della somma urgenza resta ancora tanto da fare per ripristinare le infrastrutture idriche di questo territorio".
    Nei cinque Comuni più colpiti dall'alluvione Marche Multiservizi ha eseguito "25 interventi di somma urgenza finanziati dalla struttura commissariale con quasi 5,2 milioni di euro: 2,8 milioni per interventi di ripristino per il settore fognario e depurativo e quasi 2,4 milioni per interventi di ripristino del settore idrico e potabile. Di queste risorse oltre un milione di euro è stato impegnato per otto interventi di ripristino del sistema fognario-depurativo di Cantiano. A Cantiano Marche Multiservizi ha individuato ed è pronta a partecipare alla progettazione esecutiva di 18 interventi strutturali per quasi 10,4 milioni di euro: 9 interventi nel sistema fognario-depurativo (8,6 milioni) e 9 interventi nel sistema idrico-potabile (1,8 milioni). Complessivamente gli interventi strutturali individuati nei Comuni colpiti sono 114 per un importo superiore ai 31,2 milioni di euro: 81 nel sistema fognario depurativo (22,9 milioni) e 33 nel sistema idrico potabile (8,3 milioni)".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza