Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ad Ancona nasce Fai 'Ponte tra Culture'

Ad Ancona nasce Fai 'Ponte tra Culture'

Corsi, incontri e progetti tra etnie diverse per inclusione

ANCONA, 22 febbraio 2024, 18:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Favorire l'aggregazione tra diverse etnie che vivono nello stesso territorio attraverso la conoscenza delle reciproche produzioni culturali, basandosi sul principio che la sensibilità artistica sia un tratto comune a tutti i popoli. Lo ha fatto, in concomitanza con la Giornata mondiale della Lingua Madre, la delegazione Fai di Ancona, presentando il Gruppo Fai 'Ponte tra Culture', che va ad aggiungersi alla decina di gruppi analoghi già presenti in Italia.
    Ad illustrare l'iniziativa Manuela Francesca Panini, capo delegazione Fai di Ancona, Maria Claudia Padilla, capo del Gruppo Fai Ponte tra Culture e l'assessore comunale alle Politiche educative Antonella Andreoli. Si tratta di un'esperienza di confronto culturale partita già nel 2022 con un gruppo di 25 persone appartenenti a nove nazionalità diverse: russi, albanesi, boliviani, tedeschi, olandesi e brasiliani. I partecipanti hanno seguito un percorso di formazione nei luoghi più significativi di Ancona e dintorni riguardante tutte le caratteristiche della cultura da quelle architettoniche e monumentali a quelle ambientali e gastronomiche, dalla Pinacoteca Francesco Podesti di Ancona, al Colle dell'Infinito di Recanati, dalla Fincantieri per conoscere la vocazione portuale della città, ad un trekking sul Conero fino alla degustazione sulla spiaggia del mosciolo selvatico di Portonovo.
    Poi su richiesta del Fai hanno espresso la loro opinione sugli elementi culturali affini alla propria tradizione in un reciproco scambio di esperienze e di condivisione.
    A testimoniarlo il racconto della giornalista e fotografa italo-siriana Asmae Dachan, assieme ad una prolusione sul novecentesco pittore albanese Simon Rota e alla declamazione in diverse lingue della poesia 'Lingua madre' di Fiorella Fiorenzoni. Il Fai vuole estendere il progetto in tutte le Marche: i beni delle prossime Giornate di Primavera verranno presentati in più lingue.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza