Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I due arrestati a Brescia per terrorismo respingono le accuse

I due arrestati a Brescia per terrorismo respingono le accuse

Hanno rilasciato dichiarazioni spontanee senza rispondere al gip

BRESCIA, 06 dicembre 2023, 13:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Non hanno risposto alle domande del gip ma hanno rilasciato solo dichiarazioni spontanee e dal carcere di Brescia hanno rigettato le accuse di terrorismo i due giovani di 20 e 22 anni arrestati lunedì scorso dalla Digos di Brescia per apologia del terrorismo. Sono accusati di aver pubblicato sui social messaggi inneggianti la Jihad e il martirio e contro le donne, la comunità Lgbt, gli ebrei e arrivando ad esaltare Hitler, le Ss e gli omicidi commessi da Wolfgang Abel e Marco Furlan e firmati tra gli anni 70 e gli anni 80 con lo pseudonimo Ludwig.
    Il legale dei due arrestati ha chiesto i domiciliari. Il giudice che li ha sentiti a Brescia, firmando l'ordinanza di custodia cautelare aveva sostenuto che il carcere fosse l'unica misura idonea: "La gravità dei fatti contestati non consente di ritenere adeguata la misura degli arresti domiciliari, neppure con l'applicazione del braccialetto elettronico, non potendo farsi affidamento sulla spontanea adesione dalla reiterazione dei predetti reati, facilmente realizzabili con i dispositivi normalmente in uso (tablet o computer)".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza