Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Maestripieri, dati morti sul lavoro indegni di territorio civile

Maestripieri, dati morti sul lavoro indegni di territorio civile

Segretario Cisl, serve terapia d'urto con aumento controlli

GENOVA, 30 novembre 2023, 16:53

Redazione ANSA

ANSACheck

Maestripieri, Cisl - RIPRODUZIONE RISERVATA

Maestripieri, Cisl - RIPRODUZIONE RISERVATA
Maestripieri, Cisl - RIPRODUZIONE RISERVATA

"All'emergenza non sembra esserci fine: 18 vittime in 10 mesi. I dati sugli infortuni mortali sul lavoro in Liguria stanno assumendo dimensioni indegne di un territorio civile. Ci domandiamo se, di fronte alle 18 persone decedute in 10 mesi e al dramma delle loro famiglie, nessuno si senta in dovere di fornire una soluzione a queste continue tragedie". Lo dice Luca Maestripieri, segretario ligure della Cisl in una nota.
    "Sensibilizzare le aziende, richiamarle al rispetto delle leggi sulla sicurezza, non serve più. E' necessaria una terapia d'urto che si traduca in aumento esponenziale dei controlli, ridurre il ricorso al lavoro precario, responsabilizzare chi ha il dovere di vigilare ed evitare infortuni sul posto di lavoro.
    Il sindacato da tempo denuncia l'aumento ormai ingestibile di situazioni di pericolo. Adesso basta, davvero: con la sicurezza delle persone non è più ammissibile arretrare".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza