Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pnrr, presidio di protesta per l'ospedale degli Erzelli

Pnrr, presidio di protesta per l'ospedale degli Erzelli

'Basta tir, vogliamo il nostro ospedale'

GENOVA, 16 ottobre 2023, 20:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Basta tir, vogliamo il nostro ospedale": è il cartello di protesta affisso da un gruppo di manifestanti a Genova sulla collina degli Erzelli davanti all'area dove dovrebbe sorgere il primo centro nazionale di medicina computazionale e tecnologica finanziato in parte dal Pnrr. I lavori del 'progetto bandiera' previsto da un accordo tra Regione Liguria e Governo nel 2022 non sono ancora iniziati.
    "Oggi siamo saliti agli Erzelli per ribadire un concetto preciso: abbiamo tutti diritto alla salute e alla cura. Insieme agli abitanti della zona, abbiamo appeso un nuovo cartello, al posto di quello sparito, per ribadire che lì vogliamo l'ospedale del Ponente di Genova, non un parcheggio per i tir - denuncia la consigliera regionale della Lista Sansa Selena Candia -. Il nuovo ospedale di Erzelli servirà oltre 330 mila persone: parliamo del ponente genovese, della Valle Stura, della Valle Scrivia e della Val Polcevera, zone che sommate contano più della metà degli abitanti di Genova. Le persone che vivono in questa vasta area oggi sono costrette a spostarsi chilometri fino al Villa Scassi di Sampierdarena o al San Martino per usufruire di un servizio sanitario adeguato, andando ad affollare i pronto soccorso".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza