Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il Museo Classis di Ravenna si arricchisce di due sezioni

Il Museo Classis di Ravenna si arricchisce di due sezioni

Dal 29 settembre protagonista assoluta sarà l'arte del mosaico

RAVENNA, 20 settembre 2023, 13:52

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Classis Ravenna-Museo della Città e del Territorio si arricchisce di due nuove sezioni permanenti, dove protagonista assoluta sarà l'arte del mosaico: venerdì 29 settembre si apriranno le porte di Abitare a Ravenna e Pregare a Ravenna, nuove aree espositive del museo inaugurato a Classe nel 2018 dopo la riqualificazione dell'Ex Zuccherificio della zona. Le sezioni racconteranno, soprattutto grazie a mosaici di grande pregio, due capitoli fondamentali della storia della città: l'edilizia abitativa ed ecclesiastica in età romana e tardo romana. L'inaugurazione rientra tra gli eventi di punta dell'ottava edizione della Biennale del Mosaico Contemporaneo, che partirà ufficialmente il 14 ottobre.
    I reperti archeologici e i mosaici che saranno esposti provengono da alcuni dei più celebri scavi della zona di Ravenna, come quello della Basilica di San Severo a Classe, e da collezioni già conosciute in città, come la Domus dei Tappeti di Pietra, ma anche da altri siti, come il mosaico rinvenuto nella Domus di via Dogana a Faenza. L'operazione di riscoperta e allestimento è stata resa possibile grazie ad un finanziamento del Ministero della Cultura che la Fondazione RavennAntica e il Comune hanno voluto per dare visibilità a due importanti capitoli della storia della città e del territorio e per completare il racconto storico sulla città di Ravenna iniziato cinque anni fa con l'apertura al pubblico del museo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza