Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Flesh to flesh', quell'infinita vertigine dell'essere carne

'Flesh to flesh', quell'infinita vertigine dell'essere carne

Progetto espositivo a Palazzo Hercolani Bonora di Bologna

BOLOGNA, 31 gennaio 2024, 16:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

'Flesh to flesh', ovvero "quell'infinita vertigine dell'essere carne e del suo divenire nel mondo". Palazzo Hercolani Bonora di Bologna, in via Santo Stefano, ospita da oggi al 3 febbraio un progetto espositivo a cura di Domenico de Chirico: la mostra collettiva comprende opere di Alma Heikkilä, Andrea Loi, Beatrice Alici, Carlo Cossignani, Christa Joo Hyun D'Angelo, Diana Orving, Fabio Perino, Ipnose Studio, J&PEG, Mariano Franzetti. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Silaw-Studio legale e Zefyro srl. "Qui il toccare, inteso metaforicamente come sentire in generale, si sposta verso il concetto di contatto materico - spiega de Chirico - Ciò che ne consegue è un tripudio stupefacente di immagini, talvolta intime talaltra ecumeniche, come frutto della risposta corporea a tutti gli stimoli imponderabili che sovente la vita ci regala o a cui inaspettatamente ci sottopone. Un approccio estremamente sensitivo che eleva l'impeto creativo a materia in cui affondare". "Siamo fatti di carne in un mondo di carne, corpi in un mondo di corpi, laddove il corpo stesso - sottolinea il curatore - si fa portavoce da un lato di uguaglianza e unicità e dall'altro di un'ambiguità irriducibile e vulnerabile, di un'intrinseca dicotomia che, al contempo, lo rende sia attore sia spettatore. Trattandosi di una filosofia dell'identità che salva le distanze, le contiguità e le differenze, concepire un mondo fatto di carne vuol dire intendere finanche la pietra di siffatta sostanza, poiché è solo così che l'insieme delle cose appare essere multiforme e complice".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza