Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le sculture di Lynda Benglis e Properzia de' Rossi a Bologna

Le sculture di Lynda Benglis e Properzia de' Rossi a Bologna

'Sculpitrici di capriccioso e destrissimo ingegno' al Mambo

BOLOGNA, 24 gennaio 2024, 12:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Mambo-Museo d'Arte Moderna di Bologna inaugura la programmazione espositiva della Project Room per il 2024 con la mostra 'Lynda Benglis e Properzia de' Rossi: Sculpitrici di capriccioso e destrissimo ingegno', a cura di Lorenzo Balbi, visibile dal 26 gennaio al 26 maggio.
    Il progetto propone un dialogo inedito tra Properzia de' Rossi (Bologna, 1490 circa - 1530), considerata la prima donna scultrice nella storia dell'arte e unica donna ad avere una biografia all'interno delle Vite di Giorgio Vasari, e Lynda Benglis (Lake Charles, Louisiana, 1941), considerata una delle più importanti e irriverenti scultrici viventi. Appartenenti a epoche e culture lontane tra loro, le due artiste, entrambe virtuose del medium scultoreo, sono accomunate dall'ambizione di affermare la propria individualità creativa in contesti ostili o difficilmente accessibili alle donne.
    L'esposizione presenta dalla produzione artistica dell'artista bolognese lo stemma nobiliare della famiglia Grassi, in filigrana d'argento con noccioli di susina o albicocca intagliati, proveniente dal Museo Medievale di Bologna e appositamente restaurato per questa occasione, e una riproduzione in 3D della formella in marmo, prodotta anch'essa per la mostra, che rappresenta l'episodio biblico di Giuseppe e la moglie di Putifarre, realizzata per il portale della Basilica di San Petronio e conservata all'interno del suo Museo diocesano. Dalla produzione artistica di Lynda Benglis, la mostra propone sette sculture in marmo realizzate tra il 2015 e il 2021.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza