Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Via libera dal Parlamento europeo alle nuove regole sulle Indicazioni Geografiche

Via libera dal Parlamento europeo alle nuove regole sulle Indicazioni Geografiche

Più protezione e semplificazione per la denominazione Ig

STRASBURGO, 29 febbraio 2024, 16:41

Redazione ANSA

ANSACheck
. -     RIPRODUZIONE RISERVATA
. - RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA © ANSA/EPA

Stop alla registrazione di menzioni tradizionali identiche o che richiamino nomi di Dop e Igp, come nel caso del Prošek, il vino croato che evoca il Prosecco italiano. L'eurocamera ha dato oggi il via libera definitiva alla riforma delle norme dell'Ue che regolano la protezione delle Indicazioni Geografiche (IG) per il vino, le bevande alcoliche e i prodotti agricoli. Il nuovo regolamento è passato con 520 voti favorevoli, 19 contrari e 64 astensioni e contiene anche misure per proteggere le Indicazioni Geografiche online e conferire maggiori poteri ai produttori semplificando il processo di registrazione delle IG. Dopo quasi tre anni di negoziato si avvia così alla conclusione il percorso di riforma del sistema delle Indicazioni Geografiche. Al più tardi in aprile e dopo il passaggio in Consiglio Agrifish, verrà pubblicato il regolamento che disciplinerà tutte le produzioni di qualità a livello europeo. Sarà quindi obbligatorio indicare il nome del produttore sull'etichetta di una Denominazione di Origine Protetta (Dop) o di una Indicazione Geografica Protetta (Igp), al fine di garantire la massima trasparenza ai consumatori. "L'obiettivo del nuovo regolamento è quello di difendere i prodotti certificati dai tentativi di imitazione ed emulazione", ha precisato soddisfatto il Ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida. Ma, soprattutto è "una risposta alle domande degli agricoltori" riguardo ai prezzi dei loro prodotti, ha spiegato l'eurodeputato del Pd, Paolo De Castro, relatore del testo. Plaude il mondo delle associazioni di settore. Perché la riforma del sistema europeo delle denominazioni di origine va a tutelare "il primato italiano nell'Unione Europea con 892 prodotti riconosciuti, tra alimentari, vini e liquori, che sviluppano un valore di oltre 20 miliardi di euro e danno lavoro a 890mila persone impegnate nelle filiere", spiega il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini, oltre a proteggere gli agricoltori, "in modo da renderli sempre più competitivi e sostenibili", secondo Cia. Ne saranno rafforzati anche i Consorzi di tutela, per Origin Italia, l'Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche, "con l'obiettivo di far crescere ancora di più il valore delle Indicazioni Geografiche". Cresciute nel corso degli ultimi decenni fino a diventare un pilastro della politica europea", per Paolo Zanetti, presidente di Assolatte. Intanto, oggi, vivace botta e risposta in Aula a Montecitorio tra il ministro dell'Agricoltura Francesco Lollobrigida e il segretario di +Europa, Riccardo Magi, sui prodotti vegetali con denominazione di carne, il cosiddetto "meat sounding" che - sostiene Magi - sarebbero vietati dalle ultime norme su questo fronte ma sono serviti anche nel menu della Camera. "Ci autodenunciamo...le abbiamo anche assaggiate", ha ironizzato Magi, aggiungendo, "E' un settore che vale 700 milioni di euro l'anno, gettato nell'incertezza per legge da lei voluta sul meat sounding". Ma il ministro ha subito tranquillizzato il deputato "per la sua coraggiosa autodenuncia: non c'è nessuna legge che vieta di chiamare alcune portate così". La legge, ha concluso il ministro, "vieta la produzione, la commercializzazione di alimenti coltivati in laboratorio che lei non troverà mai alla mensa della Camera".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza