Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Vico vince il menu degli artigiani della pizza e della vigna

A Vico vince il menu degli artigiani della pizza e della vigna

Vi presento i miei, maestro pizzaiolo Enzo Coccia valorizza le Pmi del vino

ROMA, 29 febbraio 2024, 16:15

Redazione ANSA

ANSACheck
Enzo Coccia all 'ingresso della pizzeria Vico, a Roma -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Enzo Coccia all 'ingresso della pizzeria Vico, a Roma - RIPRODUZIONE RISERVATA

Enzo Coccia all 'ingresso della pizzeria Vico, a Roma - RIPRODUZIONE RISERVATA

- ROMA - "Il vino è un patrimonio delll'umanità e noi lo amiamo. E poichè il pizzaiolo è un artigiano nel progetto "Vi presento i miei" volto a includere sempre più produttori nel piano di sostenibilità di Vico Pizza & Wine puntiamo a coinvolgere seri artigiani della vigna, e quei vini che sono ambasciatori di territorio e saperi locali". Così il maestro pizzaiolo Enzo Coccia, un precursore per quanto riguarda gli abbinamenti della pizza napoletana col vino, ha aperto la serata dedicata alla carta dei vini di Vico, creata dal direttore da Simone Trombini, con 140 etichette di cui il 50% di vini naturali, che ha visto protagonisti i nettari campani Core di Montevetrano, con la partecipazione dei presidenti di Ais Campania e Ais Lazio.


    L'Azienda Agricola Montevetrano, vicino Salerno, è una cantina piccola ma prestigiosa fondata alla fine degli anni '80 da Silvia Imparato che, con il vino Montevetrano, un blend di cabernet sauvignon, aglianico e merlot, ha rivoluzionato l'idea di viticoltura del Sud Italia. Nel 2011, anche grazie all'approdo in azienda della figlia Gaia, è uscito Core rosso, un aglianico in purezza abbinato alla nuova pizza 'Lasagna napoletana', e nel 2015, Core bianco, un blend di fiano e greco abbinato alla pizza Cynar a base di carciofi romaneschi del Lazio Igp fritti.

La pizzeria-ristorante Vico, a Roma nei pressi del Pantheon, nata dall'incontro tra la famiglia Coccia, che fa capo al maestro pizzaiolo Enzo anima a Napoli della pizzeria 'La notizia', e la famiglia De Angelis, proprietaria di hotel di lusso in Italia e all'estero, ha avviato un percorso di sostenibilità fondato su pratiche concrete e linee guida condivise che intende rispondere ai cambiamenti climatici e alle istanze green dei consumatori.

"Il tema della sostenibilità - ha detto Coccia - ci è molto caro. Credo che dobbiamo spostarci sempre di più verso una cucina che prevede un consumo maggiore di vegetali, anche se si può essere sostenibili pure utilizzando la carne, sapendo acquistare da piccoli allevatori che lavorano in maniera adeguata e non intensiva: il giusto mix tra le due componenti rappresenta l'equilibrio perfetto".

In linea con il pensiero di Coccia sull'importanza dell'artigianalità del pizzaiolo e dei prodotti da utilizzare per fare la pizza, la carta è stata sviluppata proponendo principalmente vini da vitigni autoctoni di piccole e medie aziende, espressione autentica del territorio di appartenenza, ambasciatrici delle tradizioni locali contadine e rispettose del ciclo della natura.  Obiettivo è "creare emozioni e raccontare le storie di impresa e di famiglia dietro a una etichetta di buon vino".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza