Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Amaterasu, il super-raggio cosmico dall' origine misteriosa

Amaterasu, il super-raggio cosmico dall' origine misteriosa

Sembra provenire da una regione dello spazio relativamente vuota

28 novembre 2023, 13:32

Benedetta Bianco

ANSACheck

Rappresentazione artistica di uno dei raggi cosmici più energetici mai visti (fonte: Osaka Metropolitan University/L-INSIGHT, Kyoto University/Ryuunosuke Takeshige) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Rappresentazione artistica di uno dei raggi cosmici più energetici mai visti (fonte: Osaka Metropolitan University/L-INSIGHT, Kyoto University/Ryuunosuke Takeshige) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Rappresentazione artistica di uno dei raggi cosmici più energetici mai visti (fonte: Osaka Metropolitan University/L-INSIGHT, Kyoto University/Ryuunosuke Takeshige) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il 27 maggio 2021 un raggio cosmico incredibilmente energetico è stato intercettato grazie al Telescope Array, una struttura formata da 507 rilevatori che coprono un’area di 700 chilometri quadrati nel deserto dello Utah, negli Stati Uniti. Si tratta del secondo raggio cosmico più intenso mai rilevato dopo quello del 1991, soprannominato ‘Oh-My-God’ per lo stupore che provocò tra gli astronomi: quest’ultimo, invece, ha preso il nome dalla dea del Sole della mitologia giapponese, Amaterasu.

La sua origine, però, è un mistero particolarmente intrigante: come rileva lo studio pubblicato sulla rivista Science e guidato dall'Università metropolitana giapponese di Osaka, la direzione da cui proviene punta ad una regione dello spazio relativamente vuota vicino la Via Lattea, il cosiddetto ‘Vuoto Locale’, dove non ci sono oggetti abbastanza energetici da averlo generato.

I raggi cosmici a elevatissima energia sono estremamente rari e si pensa che siano collegati ad alcuni dei fenomeni più potenti dell’universo, come buchi neri e lampi di raggi gamma. Queste particelle, come quella di Amaterasu, raggiungono energie straordinarie, decine di milioni di volte superiori a quella raggiunta dai più potenti acceleratori mai realizzati dall’uomo. “Quando ho scoperto per la prima volta questo raggio cosmico ho pensato che ci fosse stato un errore – commenta Toshihiro Fujii, che ha guidato lo studio – poiché mostrava un livello di energia senza precedenti rispetto a quelli rilevati negli ultimi 30 anni”.

Vista l’energia eccezionalmente elevata di Amaterasu, calcolata in 244 exa-elettronvolt (244 milioni di tera-elettronvolt), la sua traiettoria non dovrebbe essere distorta in maniera significativa da parte dei campi magnetici che incontra, e quindi la sua fonte dovrebbe trovarsi grosso modo nella direzione dalla quale è arrivata. Eppure, lì non c’è nessun oggetto astronomico che possa essere ritenuto una potenziale fonte di questi raggi cosmici. “Ciò suggerisce la possibilità di fenomeni astronomici sconosciuti”, conclude Fujii.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza