Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le buone abitudini di chi ha un cane riducono il rischio demenza

Le buone abitudini di chi ha un cane riducono il rischio demenza

Studio giapponese, incide l'esercizio e l'inclusione sociale

TOKYO, 03 dicembre 2023, 18:01

Redazione ANSA

ANSACheck

Movimento e più relazioni sociali nella vita di chi ha un cane - RIPRODUZIONE RISERVATA

Movimento e più relazioni sociali nella vita di chi ha un cane - RIPRODUZIONE RISERVATA
Movimento e più relazioni sociali nella vita di chi ha un cane - RIPRODUZIONE RISERVATA

   Chi possiede un cane riduce del 40% il rischio di soffrire di demenza senile in vecchiaia, un'eventualità che invece è più remota per i proprietari di gatti. È quanto stabilisce una ricerca giapponese condotto dall'Istituto metropolitano di geriatria e gerontologia di Tokyo. Lo studio ha interessato più di 11mila persone di età compresa tra i 65 e gli 84 anni - che hanno partecipato volontariamente a un'indagine epidemiologica condotta dal governo della capitale, assieme a un team di ricercatori che ha esaminato la percentuale di persone che hanno sviluppato la demenza tra il 2016 e il 2020. Il "rapporto di probabilità" che indica il rischio di sviluppare la malattia, è stato calcolato come 0,6 per i proprietari di cani e 0,98 per i proprietari di gatti, rispetto a 1 per coloro che non possedevano nessuno dei due animali domestici. Secondo Yu Taniguchi, ricercatore dell'Istituto nazionale per gli Studi Ambientali, prendersi cura di un cane aiuta le persone a conservare abitudini di esercizio quotidiane e opportunità di inclusione sociale, un fattore che a sua volta riduce il rischio di sviluppare la demenza senile.
    

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza