Salute: a Niguarda e Buzzi gli studi di ricercatrice Picard

A scienziata assegnato 1 mln euro premio "Lombardia è ricerca"

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 08 NOV - Saranno condotte in due grandi ospedali milanesi, il Niguarda e il Buzzi, la maggior parte delle attività di studio finanziate con il premio "Lombardia è Ricerca", da un milione di euro, assegnato alla scienziata Rosalind Picard da una giuria internazionale composta da 15 scienziati. Un riconoscimento finanziato da Regione Lombardia e consegnato stamane alla scienziata al Teatro alla Scala di Milano, al termine della quinta edizione della Giornata della Ricerca, dedicata alla memoria dello scienziato Umberto Veronesi scomparso nel 2016. Il 70 per cento dell'ammontare del premio, come da regolamento, dovrà essere utilizzato in Lombardia. Due le ricerche che intende condurre Picard, autrice di numerosi studi sull'uso dell'Intelligenza Artificiale al Mit Media Lab: al Niguarda in particolare i dottori Roberto Mai e Laura Tassi supervisioneranno uno studio clinico sulle patologie neurologiche, con particolare riferimento all'epilessia, al fine di comprendere alcuni aspetti neurofisiologici delle crisi convulsive a esordio focale e consentire ai pazienti di essere avvisati preventivamente. Al Buzzi, grazie all'impiego di dispositivi indossabili non invasivi per monitorare l'attività ordinaria e spontanea dei bambini, l'obiettivo dello studio pediatrico supervisionato da Pierangelo Veggiotti - sarà studiare le variazioni che avvengono a livello cerebrale nei bambini, cercando di comprendere quali di esse possano rappresentare un rischio per la salute durante l'età evolutiva.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA