Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lo psicoterapeuta Pellai sulla violenza sessuale, 'manca l'educazione ai fallimenti'

Lo psicoterapeuta Pellai sulla violenza sessuale, 'manca l'educazione ai fallimenti'

Su Famiglia Cristiana, 'noi genitori abbiamo preteso figli vincenti, ci vuole formazione ai sentimenti'

22 novembre 2023, 18:54

Redazione ANSA

ANSACheck

Un 'immagine del documentario di Yuri Ancarani, Il Popolo delle donne - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un 'immagine del documentario di Yuri Ancarani, Il Popolo delle donne - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un 'immagine del documentario di Yuri Ancarani, Il Popolo delle donne - RIPRODUZIONE RISERVATA

«Noi genitori del terzo millennio abbiamo preteso di consegnare ai nostri figli una vita abitata dalla felicità assoluta, dove tristezza, fallimento e paura non possono comparire mai. Devi sempre essere felice, vincente, potente. Poi, la vita accade. E con essa arrivano dolori inevitabili. Le sconfitte, il lutto, la malattia, l’abbandono amoroso. Tappe dell’esistenza che ti ancorano inevitabilmente al principio di realtà. Al quale nessuno ti ha formato ed educato. E allora, cerchi di trasformare la realtà che ti si rivolta contro, nella realtà che tu desideri. “Non mi ami più? Non è possibile. Tu devi restare con me. Altrimenti mi uccido. Altrimenti ti uccido”. Forse è andata così nella tragica vicenda di Giulia e Filippo», scrive lo psicoterapeuta Alberto Pellai in un'editoriale su Famiglia Cristiana.
«Per ogni nostro figlio maschio, oggi serve un’educazione alle emozioni, ai sentimenti, agli affetti e alla sessualità - aggiunge ancora Pellai - che gli permetta di smettere di voler apparire un “vero uomo”, perché l’unica cosa che davvero gli serve è diventare un “uomo vero”. E Filippo di questa differenza non sapeva probabilmente nulla».

Il gesto assassino di Filippo Turetta da dove origina?

«Il gesto assassino di Filippo da dove origina? Per alcuni - osserva lo psicoterapeuta Alberto Pellai -  rappresenta il residuo di una cultura patriarcale che impedisce al maschio di accettare l’esperienza dell’abbandono d’amore, ritenendo la partner affettiva un bene proprio, una sorta di possesso di cui si detiene l’esclusiva e su cui si ha pieno potere decisionale, compreso quello di infliggere la morte di fronte alla richiesta di andarsene via. Io, però, penso che nel gesto tremendo di Filippo ci sia anche molto altro. C’è un giovane adulto in balia di una fragilità emotiva senza pari. Qualcuno che di fronte al dolore dell’abbandono amoroso, non trova in sé risorse interiori che gli permettano di poterlo attraversare».

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza