Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

25 novembre, Fondazione Una Nessuna Centomila: "Più finanziamenti ai centri antiviolenza"

25 novembre, Fondazione Una Nessuna Centomila: "Più finanziamenti ai centri antiviolenza"

Appello, "Violenza è sistemica, basta anno zero"

ROMA, 22 novembre 2023, 18:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 "Di quale educazione all'affettività volete parlare? Più finanziamenti ai Centri antiviolenza. Avete tutti gli elementi per fare in fretta: risorse, saperi ed alleanze per combattere la violenza di genere", questo l'appello di Una Nessuna Centomila, la Fondazione che ha deciso con fondi privati di sostenere le realtà che fanno questo ogni giorno attraverso donazioni e il ricavato di eventi culturali. Tra quelli più importanti: il concerto Una Nessuna Centomila all'arena di Verona e l'anteprima del film di Paola Cortellesi "C'è ancora domani".
    "Perché crediamo - dice la presidente Giulia Minoli - che la cultura debba fare la propria parte. Ed effettivamente così sta avvenendo cresce la sensibilità e il desiderio di cambiare le cose fra le artiste e gli artisti italiani. Si allarga il nostro laboratorio artistico e cresce l'adesione per avere il nostro sostegno che mettiamo a disposizione di tutte e tutti coloro che si rivedono nei nostri obiettivi.   Saremo in Piazza il 25 Novembre e saremo una grande marea inarrestabile".
    La Fondazione in una nota osserva che "Fa bene il movimento delle donne, la società civile, la cultura italiana a dire che non si può più aspettare e che la misura è colma ma la politica tutta, sia il Governo sia l'opposizione, deve farsi carico di questa richiesta collettiva in maniera seria, non attraverso risposte generiche o posizionamenti emergenziali. La violenza maschile sulle donne è un fenomeno strutturale del nostro Paese e come tale va affrontata. Non è una calamità naturale, improvvisa e devastante. È qualcosa che da decenni denunciamo, studiamo, contrastiamo, raccontiamo e cerchiamo di prevenire.
    Non si può più fare finta di essere all'anno zero. I vari Governi che si sono succeduti in questi anni hanno avuto modo di misurarsi con questo tema ma a nostro giudizio hanno individuato sempre delle scorciatoie. Oggi abbiamo bisogno di non fermarci ai titoli ma di sapere e avere molto di più". Ossia: prioritariamente avere risorse, risorse per i centri antiviolenza, continue, stabili e congruenti al bisogno crescente di ascolto, accoglienza, ospitalità, sostegno all'autonomia economica; risorse per i servizi socio sanitari, per il sostegno all'occupazione, per tutto quello che è indispensabile alla rimozione dei vincoli all'accesso e alla permanenza delle donne sul mercato del lavoro, per le misure di sostegno al reddito; risorse per la formazione degli operatori sociali, sanitari e di giustizia e per contenere così la vittimizzazione secondaria, risorse per la diffusione culturale e per la prevenzione.
    "Siamo molto preoccupate per la superficialità con la quale si sta affrontando il tema della prevenzione e del cambiamento culturale. Quando si parla di Educazione all'affettività il Governo e l'opposizione sono consapevoli che in questi anni si sono prodotte tante attività in questo senso? Che l'educazione all'affettività è dentro la Convenzione di Istanbul che il nostro Paese ha ratificato? Che è un sapere multidisciplinare e interdisciplinare che comprende: la pedagogia di genere, l'educazione sessuale, la psicologia, l'educazione civica e l'educazione al web e ai dispositivi digitali? Che questo comporta formazione, apertura ai territori , ai centri antiviolenza e a tutte quelle realtà che quotidianamente hanno sopperito a questo vuoto? Sui libri di testo che si fa? Pieni di stereotipi sessisti e di rimozione nei confronti del contributo storico delle donne. Tutto questo non si realizza a costo zero.    Senza oneri per lo Stato ma con oneri per la scuola pubblica, che ha gli insegnanti con i salari tra più bassi d'Europa.    Vogliamo un investimento economico forte nei confronti dei Centri antiviolenza e nei confronti degli strumenti di prevenzione. Sono state fatte audizioni in Parlamento con reti, associazioni, professioniste, studiose, magistrate ecc., c'è la relazione della Commissione parlamentare d'inchiesta sul femminicidio, c'è un tavolo tecnico del Ministero pari opportunità, ci sono gli osservatori e ci sono i dati Istat.
    Nessuno può fare finta di non sapere. Abbiamo bisogno di nuove relazioni ed alleanze e di lavorare tutte e tutti insieme per promuovere il radicale cambiamento di cui in tante e tanti sentiamo il bisogno".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza