Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Italian climate network: "Preoccupa l'estremizzazione climatica"

ANSAcom

Italian climate network: "Preoccupa l'estremizzazione climatica"

ANSAcom

In collaborazione con Unicoop Firenze

"Ci pone di fronte a 'colpi di frusta' sempre più frequenti"

Firenze, 10 novembre 2023, 17:19

ANSAcom

ANSACheck

La Presidente Italian Climate Network Serena Giacomin - RIPRODUZIONE RISERVATA

La Presidente Italian Climate Network Serena Giacomin - RIPRODUZIONE RISERVATA
La Presidente Italian Climate Network Serena Giacomin - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con Unicoop Firenze

“Il riscaldamento globale va a determinare i cambiamenti climatici che si esprimono tramite diverse conseguenze, tutte gravi, ma quella che ci preoccupa di più in questo momento è ‘l’estremizzazione climatica’ che ci pone di fronte a una realtà fatta dai cosiddetti ‘colpi di frusta climatici’. Si tratta del passaggio repentino tra una condizione climatica estrema ad un’altra. Questo può essere scioccante per i sistemi ambientali, sociali ed economici, e gli attuali studi dimostrano come si stia riducendo l’intervallo temporale tra un colpo di frusta e l’altro. E questo determina anche una riduzione della nostra capacità di adattamento”. Lo ha detto Serena Giacomin, presidente di Italian climate network riguardo alla tempesta Ciaran, intervenendo da remoto al convegno ‘Futuro sostenibile – buone pratiche per salvare il nostro Pianeta’ organizzato da Unicoop Firenze per fare il punto sull'impegno ambientale della cooperativa. L’esperta ha poi spiegato che “la perturbazione era ben prevista, già 48 ore prima eravamo in fase di elevata attenzione. Si prevedeva molto bene il fatto che le precipitazioni più intense avrebbero riguardato il territorio tra la Liguria e la Toscana e al nord sul settore prealpino e principalmente il Nord est”. Giacomin ha poi detto che “il rischio a cui siamo sottoposti dipende principalmente da tre fattori: il primo è la pericolosità legata alla perturbazione in transito, gli altri due fattori sono la vulnerabilità de territorio e l’esposizione”. Parlando poi dell’innalzamento delle temperature, Giacomin ha spiegato che secondo le ultime rilevazioni “il mese di ottobre del 2023 porta con sé un altro record perché sono stati registrati 0,85 gradi centigradi in più della media climatica dal 1991 al 2020, una media climatica anche molto recente. Se andiamo ad analizzare l’anomalia dell’ottobre 2023 rispetto alla media dal 1850 al 1900 questa anomalia arriva a 1,43 gradi, quasi un grado e mezzo in più. E questo - ha concluso la studiosa - ci dice come la nostra atmosfera si è avvicinata a quella soglia che la comunità scientifica internazionale ci dice di non superare assolutamente, ovvero i due gradi di temperatura, perché le conseguenze sarebbero ancora più difficili da sopportare”.

ANSAcom - In collaborazione con Unicoop Firenze

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza