Clima: sciopero globale, Fridays for Future in piazza

In oltre 70 città italiane. 'Agire realmente, non a parole'

Redazione ANSA ROMA

Fridays for Future scende nelle piazze per lo Sciopero Globale per il Clima. "Dopo tre anni da quando hanno iniziato a scioperare - spiega l'associazione dei giovani ambientalisti in Italia - i responsabili politici continuano a parlare, parlare, parlare. Facendo credere che si stia facendo qualcosa, quando non è così: il 2021 è previsto essere l'anno con le emissioni più alte di sempre". 

Centinaia di studenti a Venezia, andiamo davanti a Comune - I giovani veneziani rispondono presente all'appello dello sciopero globale per il clima 'Fridays for future'. Erano circa in 400 attorno alle 9.30 in piazzale Roma, con cartelli e striscioni inneggianti alla salvaguardia dell'ambiente, ma il numero dei partecipanti è cresciuto costantemente con il passare dei minuti. "Abbiamo deciso di essere qui, perché come diciamo da tanto tempo siamo arrivati a un punto di non ritorno e non ne possiamo più - dicono gli attivisti -. Siamo stanchi dell'immobilismo davanti alla crisi climatica. Siamo a Venezia, una delle città che subirà per prima gli effetti del cambiamento climatico e non possiamo stare con le mani in mano". Dopo il sit-in ai piedi del ponte di Calatrava, gli studenti si muoveranno lungo Strada Nuova: "L'intenzione, - spiegano - è quella di arrivare sotto Ca' Farsetti (sede del Comune). Il pianeta può cambiare solo da noi giovani, perché chi sta seduto negli uffici deve capire che il pianeta sta morendo e siamo noi quelli che avremo il compito di cambiare il mondo". Dispiegamento di forze dell'ordine per garantire la sicurezza della manifestazione: erano circa una ventina i carabinieri in antisommossa distribuiti sul ponte di Calatrava e davanti al Palazzo Grandi Stazioni, supportati dagli agenti della polizia locale, impegnati nel far rispettare l'ordine e il distanziamento sociale. 

"Salvare futuro non ha prezzo", corteo in centro Roma - Al grido "salvare il futuro non ha prezzo" gli studenti del Fridays for future sfilano al centro di Roma. "Gli effetti della crisi climatica sono sempre più devastanti, non possiamo stare fermi mentre il nostro presente e futuro bruciano!" hanno sottolineato gli organizzatori lanciando l'iniziativa. Centinaia i ragazzi che stanno partecipando al corteo che da piazza Vittorio sfilerà per le strade del centro della Capitale fino a piazza della Repubblica.

Giovani Friday for Future tornano in piazza a Torino - Sono migliaia i partecipanti al corteo colorato dei Fridays for Future, primo appuntamento dell'anno con lo sciopero globale per il clima. Il corteo è partito da piazza Statuto a Torino. "Invitiamo i cittadini a leggere i programmi delle diverse coalizioni - spiegano riferendosi alle imminenti elezioni amministrative - La cosa importante non sono le vaghe promesse di intervento, ma una lista di misure precise, rapide e puntuali da adottare come un cronoprogramma che indichi di quanto è in quanto tempo devono essere abbattute le emissioni". Il corteo percorrerà piazza XVIII Dicembre, via Cernaia, via Pietro Micca, per concludersi in Piazza castello. Tra gli striscioni "La nostra casa sta andando a fuoco", "Non c'è un pianeta B".

Fridays for Future il 1 ottobre in piazza con Greta a Milano - Il primo ottobre un grande sciopero con Greta Thunberg in piazza a Milano. Lo annuncia una delle portavoci dei Fridays for future Italia, Martina Comparelli, ora nelle strade del capoluogo lombardo per la manifestazione globale sul clima, dove - dice - "al momento siamo più di 5mila".Alla pre-Cop26 a Milano- spiega -"non ci saremo, nessuno di noi entrerà. I Fff Italia sono stati totalmente ignorati da questo governo; ma ci faremo sentire da fuori: il primo ottobre faremo un grande sciopero con Greta a Milano. Le nostre proposte ci sono da tempo - conclude - sono contenute nel documento 'Ritorno al futuro',un Piano per ripartire".

Anche a Bari studenti in piazza dopo due anni - Anche a Bari gli studenti dei Fridays for future sono tornati a scendere in piazza dopo due anni per aderire allo sciopero globale del clima. L'ultimo corteo risale al novembre 2019, prima della pandemia. Alcune centinaia di studenti baresi manifestano per chiedere con striscioni e megafoni "giustizia climatica". "È ora che cominci la rivoluzione" è scritto su alcuni striscioni. "Cambiamo il sistema non il clima", "Ci avete rotto i polmoni" sono solo alcuni degli slogan scelti per il sit-in in corso in piazza Libertà, davanti alla sede della Prefettura di Bari. Al centro della manifestazione non soltanto le questioni climatiche, ma anche "la giustizia sociale che deve andare di pari passo con quella ambientale", e la scuola: "dopo quasi due anni di didattica a distanza a causa della pandemia, pretendiamo una scuola in presenza" dicono i ragazzi, lamentando che "la vera criticità sono i mezzi di trasporto dove si creano assembramenti e per i quali nulla è stato fatto in tutto questo tempo" e chiamando in causa le istituzioni locali.

Giovani tornano in piazza anche a Bolzano - Anche a Bolzano i giovani sono tornati in piazza per manifestare per l'ambiente. Dopo la pausa forzata della pandemia, circa duecento ragazzi e ragazze si sono radunate in piazza Tribunale. "Lasciateci un futuro", "Non si torna indietro" oppure "Salviamo la terra! E' l'unico pianeta con la pizza!", così gli slogan di alcuni cartelli e striscioni. Dalle scalinate del Tribunale sono intervenuti i relatori che hanno rinnovato l'appello a misure tempestive per la salvaguardia del clima.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA