Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Torino la città al lavoro, gli scatti di Vittorio Zumaglino

Torino la città al lavoro, gli scatti di Vittorio Zumaglino

Al Museo del Cinema, sulla cancellata storica della Mole

TORINO, 14 aprile 2023, 18:58

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

TORINO - Il Museo Nazionale del Cinema ospita dal 14 aprile al 26 giugno sulla cancellata storica della Mole Antonelliana Torino la città al lavoro di Vittorio Zumaglino, a cura di Roberta Basano ed Elena Boux, un'esposizione di 25 fotografie in bianco e nero scattate negli anni '30 da Vittorio Zumaglino e di cui il Museo conserva l'archivio fotografico.
    Zumaglino ha raccontato, con il gusto del suo tempo, i cambiamenti di Torino durante il ventennio fascista, ritraendo cantieri, stabilimenti, macchine e uomini al lavoro, tutti simboli della modernità. Le immagini documentano il nuovo ciclo di urbanizzazione nel periodo tra le due guerre, con la città che si trasforma, con edifici e modelli architettonici che la rendono ad uso e consumo della borghesia, la nuova classe emergente, figlia della forte crescita industriale della città.
    Le fotografie in mostra non si esauriscono nella semplice documentazione, ma rivelano lo sguardo di Zumaglino sulla città o sulla fabbrica intese come organismi viventi in cui ogni parte è in relazione con l'altra, l'operaio e il suo lavoro, un passante e la città. "Questo omaggio vuole essere il primo passo verso la valorizzazione di uno dei più importanti fotografi italiani della prima metà del '900, la cui opera in realtà è praticamente sconosciuta -sottolineano Enzo Ghigo e Domenico De Gaetano, presidente e direttore del Museo Nazionale del Cinema - in attesa di dare alle stampe nel 2024 un volume con un'ampia selezione delle più belle immagini del fondo Zumaglino, che conta oltre 28.000 fotografie ed è stato donato nel 1992 al Museo Nazionale del Cinema dalla figlia Piera, figura centrale del movimento femminista italiano".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza