Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Grecia legalizza il matrimonio per le coppie gay

La Grecia legalizza il matrimonio per le coppie gay

Governo conservatore riconosce anche il diritto all'adozione

ATENE, 16 febbraio 2024, 18:41

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

La Grecia compie un passo storico nel suo cammino per il riconoscimento dei diritti civili. "Da domani, un'ulteriore barriera tra i cittadini sarà rimossa e diventerà un ponte di convivenza in uno Stato libero", ha dichiarato il premier greco Kyriakos Mitsotakis che ha sostenuto con forza il disegno di legge che legalizza il matrimonio civile per le coppie omosessuali e riconosce il diritto all'adozione.
    L'iniziativa, promossa dal governo conservatore di Nea Dimokratia, ha ottenuto il sostegno dei partiti all'opposizione di Syriza, Pasok, Nea Aristerà e Plefsi eleftherias ed è passato con una larga maggioranza del Parlamento, 176 voti a favore dei 254 deputati presenti in Parlamento dopo due giorni di dibattito. La Grecia diventa così il primo paese a maggioranza cristiana-ortodossa e il 37° Paese al mondo a legalizzare l'adozione da parte di coppie dello stesso sesso.
    Un primo passo era stato compiuto nel 2015, quando durante il governo di Alexis Tsipras la Grecia ha reso possibili le unioni civili per le coppie omosessuali. Un riconoscimento che non offriva però le stesse garanzie giuridiche del matrimonio.
    Finora nelle famiglie gay con figli solo il genitore biologico è considerato dalla legge il tutore del bambino, mentre l'altro rimane formalmente un estraneo. La necessità di tutelare i figli sarebbe, secondo Mitsotakis, il motore del disegno di legge.
    "Persone invisibili diventeranno finalmente visibili e i loro figli avranno gli stessi diritti degli altri bambini", ha dichiarato il premier, ricordando che "l'immagine della famiglia è sempre cambiata in risposta ai cambiamenti della società". La riforma ha causato non pochi mal di pancia nell'ala più conservatrice del partito di Nea Dimokratia. Sulla scelta dei dissidenti pesa anche la posizione della influente Chiesa ortodossa greca, che ha accusato la riforma di "sovvertire le fondamenta della società" e ha invitato i deputati, tramite una lettera, a non approvarla.
    Nonostante la frattura interna, Mitsotakis ha scelto di non imporre la disciplina di partito e ha invitato i dissidenti ad astenersi, fiducioso dei voti che dovrebbero arrivare dalle opposizioni. Contrari al disegno di legge si sono invece detti i deputati dei partiti di estrema destra Spartiates ed Ellinikì lisi, quelli del partito ultraconservatore Niki e anche i parlamentari del Kke, il partito comunista greco. Syriza, guidata per la prima volta da un leader dichiaratamente omosessuale, Stefanos Kasselakis, non farà mancare il proprio voto a favore ma ha criticato il disegno di legge perché non riconosce alle coppie dello stesso sesso il diritto alla procreazione assistita e alla maternità surrogata, pratica legale in Grecia per le donne single e le coppie eterosessuali.
    "L'approvazione del ddl è un passo di importanza storica: ma abbiamo ancora molto lavoro da fare per abbattere le discriminazioni", ha spiegato all'Ansa Stella Belia, presidente dell'Associazione delle famiglie arcobaleno greche.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.