Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rafah è alla fame, si lotta per sopravvivere

'Abbassate i prezzi per il Ramadan', in vendita gli aiuti umanitari

01 marzo 2024, 17:18

Redazione ANSA

ANSACheck
© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

© ANSA/EPA

(di Sami al-Ajrami)

RAFAH - A Rafah cresce la fame, che trascina con sé violenze, estorsioni, abusi. Nell'estremità meridionale della Striscia di Gaza, dove si sono rifugiati oltre un milione di sfollati palestinesi, si moltiplicano le proteste e le manifestazioni contro chi specula con la borsa nera, vendendo anche gli aiuti umanitari. All'indomani della morte di un agente della polizia di Hamas, ucciso dal fuoco dei dimostranti, dalle affollate piazze Nujbe e Awda è partito un corteo che ha puntato al vicino mercato della città. "Siamo gli uomini liberi di Rafah", hanno detto persone col volto coperto distribuendo volantini, mentre attorno venivano dati alle fiamme alcuni pneumatici, senza una presenza visibile della polizia. "I prezzi - recitavano i volantini - devono calare subito, prima del Ramadan" che comincerà il 10 marzo. Chi non si adegua - è la minaccia - "rischia di essere picchiato". "Oh, Sinwar. Oh, Haniyeh. Vogliamo una buona fetta di pane", urlava intanto la gente, rilanciando uno slogan che in arabo fa rima. "E' mai possibile - urlava uno dei passanti - che dobbiamo pagare 80 shekel (20 euro) per un chilo di zucchero? E anche 100 shekel (25 euro) per una confezione di 30 uova arrivate dall'Egitto?", un bene che fino a pochi mesi fa costava cinque shekel. Al mercato sono esposte anche le scatole degli aiuti umanitari internazionali con tanto di timbro impresso: "Non in vendita".

Eppure, per vie traverse, sono finite sui banchi del mercato, offerte a prezzi altissimi. "In teoria - dicono gli avventori - sarebbe dovere degli ispettori del ministero dell'Economia, accompagnati da agenti di Hamas, di impedire che i prezzi salgano alle stelle". Ma in loro assenza, il malumore verso Hamas monta. Martedì uno scontro a fuoco tra una famiglia di sfollati e la polizia ha portato alla morte di un agente. "E' stata una scena spaventosa", ha raccontato un testimone. "Perché da un lato Hamas ha probabilmente le sue responsabilità, ma dall'altro - ha aggiunto - la violenza che si avverte nelle strade fa forse ancora più paura". Ci sono stati casi di estorsione, affermano gli abitanti della città, di vere e proprie rapine. "E della polizia nemmeno l'ombra". Altri testimoni raccontano anche di scene di violenza quando aerei egiziani e giordani hanno lanciato pacchi di aiuti di vario genere verso la tendopoli di Rafah. In parte sono caduti in mare, i pescatori si sono subito lanciati per recuperarli prima che affondassero. "Ma al loro ritorno sulla costa - dicono i testimoni - la folla ha cominciato a lottare per arraffare quanto possibile". La popolazione, allo stremo, segue inoltre con apprensione le crescenti difficoltà che affrontano in questi giorni l'Unrwa (l'agenzia dell'Onu per i rifugiati palestinesi, che versa in gravi condizioni finanziarie) e la Mezzaluna Rossa palestinese. ''Abbiamo forti difficoltà logistiche - ha affermato il suo portavoce Mahmud Neirab -. Soprattutto per le scorte di sicurezza ai nostri camion".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Rafah è alla fame, si lotta per sopravvivere - Storie dal Mediterraneo - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.