Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ruspe spietate, Cairo antica rischia di sparire

Un centro d'arte raso al suolo per far posto a una superstrada

25 gennaio 2024, 11:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA
(ANSAmed) - IL CAIRO, 25 GEN - Uscendo dalla fermata della metro di Mar Girgis, al Cairo, si resta senza fiato: a pochissimi metri si erge il Monastero di San Giorgio, la cui parte più antica è datata 830 anni dopo Cristo. A fianco, la cosiddetta 'Chiesa sospesa', del terzo secolo, e la Fortezza di Babilonia, del 98 dopo Cristo. I turisti si affollano in questi splendidi monumenti, ma subito dietro, pregevoli edifici storici stanno andando in rovina, in mezzo a case fatiscenti, a pochi metri dai binari.

Lo scorso 6 gennaio un centro d'arte egiziano situato nel cuore del quartiere dei vasai del Cairo Vecchio, è stato distrutto dai bulldozer per far posto a una superstrada. E non è il primo, tanto che molte associazioni culturali attive nella parte più antica della città hanno espresso preoccupazione per la possibile distruzione di un patrimonio storico stratificato tanto antico e patrimonio dell'Unesco. E per la candidatura a direttore generale dell'Agenzia Onu per la Cultura dell'ex ministro del Turismo e delle Antichità egiziano Khaled El-Enany, che ha dato inizio allo sventramento.

L'ultimo a farne le spese è stato il centro d'arte Darb 1718, chiamato così in ricordo delle 'rivolte del pane' del 17 e 18 gennaio 1977, distrutto in poche ore insieme al suo contenuto, incluse alcune opere di un certo valore, per far posto all'allargamento di una superstrada, denunciano alcune prestigiose riviste d'arte, tra cui la francese Beaux arts.

Costituito da un edificio espositivo e da due laboratori di formazione sulla ceramica e sull'artigianato, questa istituzione, attiva da quindici anni, è stata rasa al suolo "senza preavviso né indennizzo", precisano i responsabili.

"Darb 1718 era molto più che semplici mattoni e malta. Era un paradiso per artisti di ogni tipo. Ha promosso la creatività, il dialogo e la comunità all'interno delle sue mura. Ha coltivato talenti emergenti e fornito una piattaforma affinché voci affermate e nuove raggiungessero il mondo. La giustificazione di questa demolizione, l'ampliamento di una strada, è semplicemente inaccettabile". All'interno dell'edificio erano esposte, tra l'altro, "opere di 150 artisti stranieri per un valore milionario", ha lamentato sconvolto l'artista e attivista Moataz Nasreddine, fondatore del locale. "Odiamo la nostra storia e il nostro Vecchio Cairo, vogliamo una città che sia solo strade, asfalto, ponti". E già a luglio aveva lanciato una petizione che ha raccolto 16.000 firme.

Ma il Darb 1718 non è l'unica 'vittima' della modernizzazione: nel 2020 migliaia di tombe nella Città dei Morti, la più antica necropoli del mondo musulmano, anch'essa iscritta tra i siti del patrimonio mondiale dell'Unesco, furono distrutti nella capitale in nome del rilancio economico del Paese, e il resto di Old Cairo è abbandonato al degrado.

Certo, il traffico al Cairo è pesantissimo, e altrettanto l'inquinamento che ne deriva, e le nuove soluzioni viarie decise dal governo di Al Sisi l'hanno significativamente alleggerito, ma in molti casi a spese dell'aspetto, della memoria, della stessa anima della città, unica nel suo genere e piena di fascino. (ANSAmed).

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Ruspe spietate, Cairo antica rischia di sparire - Storie dal Mediterraneo - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.