Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rientro a scuola in Algeria, tra ritardo e inflazione

Fiere e sussidi per frenare i prezzi del materiale scolastico

12 settembre 2023, 11:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA
(ANSAmed) - ALGERI, 12 SET - Quest'anno in Algeria l'inizio della scuola è stato ritardato per motivi che il governo non ha rivelato, in concomitanza con un'ondata di inflazione e un aumento senza precedenti del prezzo del materiale scolastico.

Sebbene il personale amministrativo sia stato convocato il 27 agosto e gli insegnanti il 3 settembre, le autorità hanno insolitamente annunciato molto tardi, la sera del 4 settembre, la data in cui gli alunni sarebbero tornati in classe, ovvero il 19 dello stesso mese.

In precedenza, il ministero dell'istruzione algerino aveva annunciato l'assunzione di migliaia di insegnanti per l'inglese e l'educazione fisica nelle scuole primarie, quest'ultima sarà insegnata per la prima volta a questo livello.

Secondo il Dicastero, i nuovi insegnanti assunti in queste due materie riceveranno due settimane di formazione prima di prendere servizio.

La sera del 3 settembre, il ministero ha anche annunciato la necessità di assumere insegnanti a contratto in tutti e tre i livelli di istruzione (elementare, media e secondaria), invitando gli interessati a registrarsi sul proprio sito web tra il 5 e il 10 settembre 2023. Da questa nota risulta che che c'è una carenza di insegnanti nei tre livelli educativi, e che è necessario assumerne di più.

Ciò che colpisce quest'anno in Algeria è il folle aumento dei prezzi del materiale scolastico, alcuni dei quali sono triplicati rispetto al passato. Dalla fine di agosto, le autorità si sono affrettate ad aprire fiere nelle 58 province del Paese per vendere materiale scolastico, nel tentativo di frenare il folle aumento dei prezzi.

Mohamed Aissaoui, direttore dell'organizzazione di orientamento dei consumatori 'Hemaytak' (la tua protezione), ha dichiarato al quotidiano locale Echorouk: "Queste fiere, organizzate in modo insolitamente proattivo, contribuiranno a controllare il mercato del materiale scolastico e a prevenire uno squilibrio dei prezzi".

Aissaoui ha sottolineato che il mercato del materiale scolastico è afflitto ogni anno da speculazioni da parte di alcuni rivenditori.

L'attivista ha rivelato che la sua organizzazione "ha chiesto al ministero del commercio di non ritardare la concessione delle licenze per l'importazione di materiale scolastico dall'estero", sottolineando che ritardare il loro arrivo "potrebbe portare a speculazioni sui loro prezzi".

Il Paese maghrebino dipende dalle importazioni per coprire gran parte del suo materiale scolastico, mentre il resto viene prodotto localmente. Di fronte a questa situazione, le autorità hanno anche approvato un sussidio di 5.000 dinari (34 euro) per milioni di alunni provenienti da famiglie a basso reddito.

In questo contesto, Messaoud Boudiba, coordinatore nazionale di Cnapest, il più grande sindacato del settore dell'istruzione in Algeria, ha sostenuto che ‏"‏il ritardo del ministero nell'annunciare la data di inizio delle lezioni ha suscitato inutili polemiche‏"‏, oltre ad ‏"‏aumentare i timori e i dubbi sulla mancanza di preparazione delle scuole ad accogliere gli alunni‏"‏.

In una dichiarazione rilasciata ad ANSAmed, Boudiba ha affermato che ‏"‏le ragioni del ritardo nell'annuncio dell'inizio del nuovo anno scolastico non sono ancora chiare‏"‏, sebbene il Dicastero abbia rivelato qualche settimana fa la data di rientro del personale amministrativo e degli insegnanti.

Per Boudiba, ‏"‏la questione dell'alto costo del materiale scolastico è stata sollevata da diversi anni in Algeria, ma quest'anno in un modo senza precedenti‏"‏.

Il sindacalista ha spiegato che ‏"‏questo costo elevato fa parte di un significativo calo del potere d'acquisto dei cittadini algerini dovuto all'inflazione e ai prezzi elevati‏"‏.

(ANSAmed).

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Rientro a scuola in Algeria, tra ritardo e inflazione - Storie dal Mediterraneo - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.